iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, dalle cessioni possibili oltre 20 milioni

Di Redazione18 maggio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Tiberio Guarente

Tiberio Guarente

BERGAMO – Vendere per risalire. Nessun riferimento alle vicende societarie, per quelle si attendono notizie certe entro la fine della settimana, ma una semplice constatazione di cosa l’Atalanta, oggi, può fare in prospettiva futura.

E’ ovvio che nessuno vuole smantellare, ci sono comunque trattative e situazioni in uscita che è doveroso valutare principalmente per un aspetto meramente tecnico: la serie B e la serie A sono mondi opposti.

Il disavanzo portato dalla retrocessione, tra mancati introiti televisivi e perdite di altra natura, si aggira sui 13-15 milioni di euro. Come ovviare? Semplice, con l’unico indicatore economico davvero soggettivo che interessa una squadra di calcio: le cessioni dei giocatori.

Gruppo alla mano, sono almeno quattro i giocatori che hanno mercato e possono fare la differenza. Più due comproprietà pesanti, una delle quali già praticamente decisa: Andrea Lazzari, centrocampista protagonista con il Cagliari di una stagione molto positiva, rimarrà ai sardi per una cifra che si aggira sui 3 milioni di euro.

L’altro giocatore in bilico è Schelotto del Cesena. Secondo le ultime dichiarazioni di Cellino all’Unione Sarda, in Romagna c’è una situazione societaria disastrosa: stipendi fermi a dicembre, trasferta a Lecce pagata dal tecnico Bisoli e un presidente all’estero in vacanza da alcune settimane. Con uno scenario simile, è difficile inquadrare la situazione e un accordo pare difficile. Ci sono club di serie A che tengono d’occhio l’esterno sudamericano, Fiorentina e Genoa su tutte, ed è verosimile che il suo futuro sarà roseo: lo riscatterà l’Atalanta oppure il Cesena? E per quanto? A fronte di un investimento di circa 350 mila euro, c’è la concreta possibilità di incassare almeno 3 milioni per la metà. In totale, siamo a 6 milioni.

Tornando ai nerazzurri di oggi, Tiberio Guarente è praticamente del Napoli. Il prezzo è di 5,5 milioni di euro, alcune indiscrezioni parlano di altre squadre interessate ma da quella quota sarà impossibile scendere: se Juventus e Udinese lo volessero, dovrebbero superare il gruzzolo partenopeo. Gli altri tre nerazzurri che hanno mercato in serie A e potrebbero veramente partire sono Valdes, Manfredini e Padoin.

Il cileno, già escluso dalla lista per il Mondiale, piace a Milan e Sporting Lisbona. I rossoneri sono molto attenti al portafoglio, dal Portogallo non trapelano indiscrezioni ma la volontà del giocatore (lottare in serie A o per lo scudetto lusitano sono prospettive più allettanti rispetto al doppio confronto con il Crotone) e il buon campionato disputato potrebbero far propendere la società per una cessione sulla base di 4-5 milioni.

Thomas Manfredini e Simone Padoin sono in partenza per le tournèe americane con Milan e Juventus. Il loro livello non si discute, è ovvio che in serie B farebbero la differenza però è giusto essere realisti: con due offerte congrue, 3 milioni per il centrale e 6-7 per Padoin, sarebbe dura trattenerli. Il jolly di Gemona, in particolare, ha confidato che non avrebbe problemi a rimanere per risalire subito ma l’arrivo di Del Neri a Torino, suo grande estimatore, complica di brutto la situazione.

Guarente e Lazzari a parte, gli 8,5 milioni derivanti dalle loro cessioni sembrano certi, siamo nel campo delle ipotesi ma un fondamento logico è molto facile da trovare. Andasse tutto come descritto, saremmo di fronte a introiti superiori ai 23-24 milioni di euro: disavanzo coperto e una decina di budget per costruire l’Atalanta che, senza fallire, deve risalire subito in serie A.

Fabio Gennari


Atalanta, retroscena: i poteri forti in pressing su Percassi

Antonio Percassi BERGAMO -- "Percassi non è entusiasta di comprare l'Atalanta. Ma c'è più di un potere ...

Boxe: Messi all’assalto del titolo superwelter

Luca Messi BERGAMO -- Il pugile bergamasco Luca Messi tenta l'assalto alla corona continentale dei superwelter sfidando ...