iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il dono” di Ada Negri

Di Redazione3 maggio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il dono eccelso che di giorno in giorno
e d’anno in anno da te attesi, o vita
(e per esso, lo sai, mi fu dolcezza
anche il pianto), non venne: ancor non venne.
Ad ogni alba che spunta io dico: “È oggi”:
ad ogni giorno che tramonta io dico:
“Sarà domani”. Scorre intanto il fiume
del mio sangue vermiglio alla sua foce:
e forse il dono che puoi darmi, il solo
che valga, o vita, è questo sangue: questo
fluir segreto nelle vene, e battere
dei polsi, e luce aver dagli occhi; e amarti
unicamente perché sei la vita.

“Potessero le mie mani sfogliare” di F. Garcìa Lorca

Potessero le mie mani sfogliare Pronunzio il tuo nome nelle notti scure, quando sorgono gli ...

“Mi piaci quando taci” di Pablo Neruda

Mi piaci quando taci perchè sei come assente, e mi ascolti da lungi e la mia ...