iscrizionenewslettergif
Poesie

“Potessero le mie mani sfogliare” di F. Garcìa Lorca

Di Redazione30 aprile 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Potessero le mie mani sfogliare
Pronunzio il tuo nome
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri
per bere dalla luna
e dormono le frasche
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della dolce pioggia.
T’amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha mai questo mio cuore?
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani
sfogliare la luna!

“Nel mutar degli anni” di Algernon Charles Swinburn

2492448674_297bc39bfaNel mutar degli anni, nella spirale delle cose, nel clamore, nel rumore della vita futura, noi, bevendo ...

“Il dono” di Ada Negri

tearsIl dono eccelso che di giorno in giorno e d'anno in anno da te attesi, ...