iscrizionenewslettergif
Politica

Fini ai suoi: lealtà alla coalizione e al programma

Di Redazione27 aprile 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

ROMA — Dentro il Pdl, leali a governo e maggioranza ma liberi di dissentire: Fini fa il punto con i parlamentari che gli sono rimasti fedeli. Cerca di rassicurare i finiani che lo hanno seguito e di mostrare la rotta. Qualcuno come Amedeo Laboccetta, scende. Menia chiede: “Dove si va a sbattere? Qual è la strategia?”. La riunione si fa lunga. “Non è in discussione la permanenza nel Pdl – dice Fini – e dobbiamo garantire la massima lealtà”. Resta aperta la questione dimissioni di Bocchino.

“Non è in discussione la permanenza nel Pdl – mette subito in chiaro l’ex leader di An – e dobbiamo garantire la massima lealtà alla coalizione e alla maggioranza di governo, dobbiamo mostrare agli elettori totale fedeltà al programma elettorale”. Un’indicazione soprattutto ad uso di chi da oggi in poi andrà in tv o farà dichiarazioni. Nessun pretesto, insomma, offerto a chi vuole bollare la nuova “minoranza politico-culturale” come un manipolo di facinorosi pronti a sabotare l’agenda di governo. Per questo, si decide che ci saranno due ‘coordinatori’ (uno per la Camera ed uno per il Senato) che fungeranno un po’ da portavoce, da coordinatori delle diverse posizioni per evitare che si vada in ordine sparso sui temi più delicati.

La Provincia di Bergamo alla presentazione dell’Expo

L'assessore provinciale Silvia Lanzani con il viceministro delle Infrastrutture Roberto Castelli MILANO -- L'assessore alle Grandi infrastrutture della Provincia di Bergamo Silvia Lanzani, accompagnata dal coordinatore ...

Tentorio dice “no” alla mostra gay sul Sentierone

Tentorio e due nonne BERGAMO -- La Giunta comunale di Bergamo non ha concesso l'autorizzazione agli organizzatori della mostra ...