iscrizionenewslettergif
Poesie

“Francesca” di Ezra Pound

Di Redazione23 aprile 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Venivi innanzi uscendo dalla notte
recavi fiori in mano
ora uscirai fuori da una folla confusa,
da un tumulto di parole intorno a te.
Io che ti avevo veduta fra le cose prime
mi adirai quando sentii dire il tuo nome
in luoghi volgari.
Avrei voluto che le onde fredde sulla mia mente fluttuassero
e che il mondo inaridisse come una foglia morta,
o vuota bacca di dente di leone, e fosse spazzato via,
per poterti ritrovare,
sola.

“Cavalli di luna e di vulcani” di Salvatore Quasimodo

nouvelle-caledonie-18Isole che ho abitato verdi su mari immobili. D'alghe arse, di fossili marini le spiagge ove corrono in ...

“Sereno” di Giuseppe Ungaretti

20061003225124Starry_Night_Over_the_RhoneDopo tanta nebbia a una a una si svelano le stelle ...