iscrizionenewslettergif
Economia

Diecimila sospetti evasori fiscali italiani scoperti in Svizzera

Di Redazione14 aprile 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Scoperti 10mila sospetti evasori fiscali in Svizzera

Scoperti 10mila sospetti evasori fiscali in Svizzera

Altri diecimila sospetti evasori fiscali. La Procura della Repubblica di Torino sta per mettere le mani sull’elenco dei circa diecimila italiani titolari di un conto corrente nella filiale ginevrina della banca britannica HSBC messo a disposizione dei magistrati francesi da un ex dipendente dell’istituto. Eric de Montgolfier, Procuratore generale a Nizza, ha detto ieri di aver ricevuto, per rogatoria, la richiesta dei colleghi italiani ed ha fatto intendere che non ci saranno problemi ad esaudirla. La lista potrebbe arrivare già tra una ventina di giorni e subito dopo partiranno le verifiche della Guardia di finanza.

I sospetti più forti ricadono su un migliaio di nomi. Buona parte dei conti nella filiale svizzera di HSBC attribuiti agli italiani da quei documenti sarebbe già estinta, ma a questo punto bisognerà vedere l’esito delle verifiche. Mille nomi che si aggiungono agli altri mille settecento, anche questi comparsi nel turbinio di liste ed elenchi che corrono per mezz’Europa, sui quali le Fiamme Gialle stanno già conducendo gli accertamenti.

Ci sono i trecento nomi della cosiddetta “Lista Ubs”, anche quella partita dalla Svizzera, i 576 della “Lista Pessina”, ritrovata a Chiasso nell’automobile dell’avvocato Fabrizio Pessina, fino ai circa 700 nominativi di persone fisiche e società che avevano residenza presso il Consolato della Repubblica di San Marino a Rimini.

Cresce la produzione industriale, Tenaris investe 10 milioni su Dalmine

Tenaris Dalmine La produzione industriale a febbraio ha registrato una variazione positiva del 2,7 per cento rispetto ...

Malvestiti: l’Expo risveglierà l’economia bergamasca

Paolo Malvestiti “L’Expo del 2015 è un evento che non coinvolgerà solo il capoluogo lombardo, ma tutta ...