iscrizionenewslettergif
Psicologia

Lavoro: chi fa i turni è più stressato

Di Redazione7 aprile 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Infermiera

Infermiera

Chi svolge lavori con turni di rotazione è più ansioso e stressato. Ma non solo: l’orario di lavoro causerebbe anche la causa della sindrome del colon irritabile. È quanto sostiene uno studio guidato da Sandra Hoogerwerf dell’ University of Michigan Medical School e pubblicato sull’ American Journal of Gastroenterology.

Stando ai riusltati della ricerca, i lavori organizzati secondo turni creano stati d’ansia e interrompono il ciclo biologico, favorendo l`insorgere di dolori addominali, stipsi e diarrea. “Le persone che svolgono lavori con turni a rotazione spesso lamentano sintomi gastrointestinali come dolori addominali, stipsi e diarrea – spiega Hoogerwerf -Questi sono gli stessi sintomi della sindrome da colon irritabile”.

Lo studio è stato condotto su 339 infermiere: i ricercatori hanno messo in evidenza che coloro che svolgono lavori basati sulla rotazione dei turni hanno significativamente più probabilità di sviluppare l’ irritabilità del colon e dolori addominali di varia natura rispetto ai lavoratori che hanno orari “standard”. “Sappiamo che il colon ha un suo orologio biologico che generalmente fa sì che il primo movimento intestinale si abbia nelle prime sei ore del giorno – spiega Hoogerwerf – Il lavoro basato sulla rotazione dei turni può creare sconvolgimenti anche cronici, con una conseguente irregolarità intestinale, dando vita a diarrea, gonfiore, stitichezza e dolori addominali”. Anche i disturbi del sonno, spiegano i ricercatori, potrebbero avere una correlazione con la sindrome del colon irritabile. Ulteriori studi, però, sono necessari per accertarne il legame.

Una coppia su tre tradisce: occhio agli amici

Occhio agli amici e alle amiche Una coppia su tre tradisce il partner. E spesso lo fa con gli amici. Almeno ...

Sorridere fa vivere più a lungo

Un bel sorriso Sorridere fa bene. E allunga la vita. A rivelarlo uno studio pubblicato su Psychological Science ...