iscrizionenewslettergif
Poesie

“Serenata indiana” di P.B. Shelley

Di Redazione30 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Nel primo dolce sonno della notte
mi risveglio dai sogni in cui tu appari,
quando sospira lievemente il vento
e splendono le stelle luminose:
mi risveglio dai sogni in cui tu appari,
e uno spirito allora mi ha condotto,
chissà come, vicino alla finestra
della tua camera, o dolcezza mia!
Le arie vagabonde illanguidiscono
lungo il ruscello oscuro e silenzioso,
i profumi del Champak svaniscono
come dolci pensieri in un sogno;
muore il lamento dell’usignolo sul cuore
della diletta, proprio come me
destinato a morire sul tuo,
o tu che sei la mia amata!
Oh, ti prego, sollevami dall’erba!
Muoio e mi sento debole e languido!
Oh, che il tuo amore piova in mille baci
sulle mie labbra e sulle smorte palpebre.
Ahimè, le guance sono fredde e pallide,
ed il mio cuore batte impetuoso e forte!
Oh, stringilo al tuo cuore nuovamente,
dove alla fine si dovrà spezzare!

“Un poeta alla donna amata” di William Butler Yeats

whitewomanTi porto con mani religiose i libri dei miei sogni innumerevoli ...

“Natura” di Mario Luzi

luziLa terra e a lei concorde il mare e sopra ovunque un mare più giocondo ...