iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta che peccato, la Juve vince 2-1 senza merito

Di Redazione28 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il tecnico atalantino Bortolo Mutti

Il tecnico atalantino Bortolo Mutti

TORINO — Una sconfitta pesante, immeritata e sicuramente evitabile. Nel giorno in cui Udinese,Catania e Bologna si fermano l’Atalanta non approfitta del pessimo momento della Juventus e perde 2-1 a Torino alla fine di una gara per certi versi stregata.

Dopo il pareggio ottenuto con Amoruso nel finale di prima frazione, i ragazzi di Mutti costruiscono i presupposti per passare in vantaggio nei primi venti minuti del secondo tempo ma non concretizzano e nel finale si abbassano troppo offrendo il fianco alle sterili iniziative bianconere: proprio il tecnico orobico sbaglia a non osare quando la gara lo permetteva lasciando alla Juventus la possibilità di mettere fuori la testa.

L’Atalanta, con De Ascentis al posto di Guarente e Garics regolarmente al suo posto, si fa viva dalle parti di Manninger al 3′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo con Manfredini che incorna sul fondo la battuta di Valdes; la risposta bianconera è firmata Trezeguet che al 5′ insacca di testa ma è in fuorigioco.
La situazione ambientale condiziona indubbiamente i padroni di casa, l’Atalanta tiene bene il campo ma i campioni della Juventus sono sempre in agguato: 17′, Del Piero spalle alla porta fa filtrare per Trezeguet che dal limite conclude sul fondo senza alcuna pressione.

Al 25′ i nerazzurri costruiscono una bellissima occasione da gol, Valdes pesca in verticale Ferreira Pinto che di testa appoggia su Tiribocchi: sinistro in corsa di collo pieno e Manninger bravo a respingere di pugno; lo 0-0 di partenza si sblocca al 30′ con una gran punizione di Alessandro Del Piero e dentro una partita comunque equilibrata solo un episodio simile poteva cambiare il risultato.Sul destro a giro del capitano bianconero dai 25 metri, l’estremo difensore atalantino parte bene ma non riesce a deviare in angolo e rivedendo la conclusione è giusto sottolineare la perfetta esecuzione del numero 10 juventino.

Zaccheroni al 35′ è costretto a inserire Giovinco per Diego (problema alla coscia) e un minuto dopo Padoin sfiora il pari con un gran destro dal limite alto di poco: l’Atalanta gioca costringendo i torinesi a giocare di rimessa, al 40′ Tiribocchi guadagna una punizione interessante con Valdes che prova a pescare il palo lontano ma trova Manninger. Al 43′ sono i nerazzurri a ripartire alla grande, Padoin apre per Peluso che mette in mezzo un pallone splendido che l’accorrente Amoruso non riesce ad insaccare per pochi centimetri: Nick “piede caldo” si fa subito perdonare, al 46′ Padoin lo pesca in piena area e il suo sinistro supera Manninger per il meritato 1-1 che vale oro prima del riposo.

Al rientro in campo l’approccio dei nerazzurri è ottimo, passano solo due minuti e Ferreira Pinto (47′) conclude debolmente a conclusione di una splendida azione palla a terra: Valdes – De Ascentis – Peluso combinano a sinistra, velo di Tiribocchi e bel sinistro in corsa senza troppa fortuna. L’Atalanta spinge, al 49′ Padoin spara di destro e Cannavaro alza di tesa sopra l’incrocio e sull’angolo seguente è Bianco a staccare indisturbato spedendo alto di pochi centimetri.

La superiorità dei nerazzurri in questa fase è palese, al 55′ Valdes parte come in slalom come il miglior Alberto Tomba ma conclude di sinistro sul fondo: nemmeno due minuti dopo altra occasione per il cileno che a sinistra si beve Zebina ma calcia alto e facendo disperare Mutti che vede i suoi sprecare moltissime situazioni interessanti.

L’unico bianconero a creare qualcosa è Giovinco, al 74′ la “formica atomica” cerca il gol da fuori area ma la porta è lontana: la Juventus nel finale si getta in avanti, Cannavaro all’80’ schiaccia di testa senza fortuna poco prima che il solito Valdes costringa Manninger alla respinta (81′).La spinta dei piemontesi viene immeritatamente premiata all’82’, Felipe Melo stacca alla grande e insacca sul secondo palo la rete del vantaggio chiedendo poi scusa ai tifosi: dopo tante occasioni sciupate, la beffa che nessuno si aspettava.

Juventus – Atalanta 2-1
Reti: 30′ Del Piero(J), 46′ Amoruso(A), 82′ Felipe Melo(J)
Juventus: Manninger; Zebina, Cannavaro, Legrottaglie, Grosso; Marchisio, Sissoko, Candreva; Diego (35′ Giovinco); Del Piero, Trezeguet (70′ Amauri). All. Zaccheroni.
Atalanta: Consigli; Garics, Manfredini, Bianco, Peluso (83′ Volpi); Ferreira Pinto(87′ Ceravolo), De Ascentis, Padoin, Valdes; Amoruso, Tiribocchi. All. Mutti.
Ammoniti: De Ascentis (A), Zebina(J), Peluso(A)

Fabio Gennari

Juve contestata dai tifosi, Zebina preso a schiaffi

I tifosi della Juve inviperiti TORINO -- La contestazione a suon di cori, con Felipe Melo, Jonathan Zebina e Fabio ...

Ottima prova corale, Mutti interviene troppo tardi

Jaime Valdes TORINO -- Una delle migliori prestazioni corali delle ultime trasferte. Tante sufficienze, pochi errori e ...