iscrizionenewslettergif
Psicologia

La solitudine fa male al cuore

Di Redazione26 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Solitudine

Solitudine

La solitudine fa male. E non solo all’umore. Secondo le ricerche dell’ University of Chicago, la solitudine cronica può causare ipertensione e aumentare il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari in chi ha 50 anni o più. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Psychology and Aging.

Nei 229 volontari tra i 50 e i 68 anni, gli scienziati americani hanno rintracciato un legame diretto – e indipendente rispetto ad altri fattori di rischio come indice di massa corporea, consumo di alcol e sigarette, storia clinica del paziente – tra l’ aumento della pressione nei vasi sanguigni e il senso di depressione e stress dovuto all`isolamento sociale.

I partecipanti al test sono stati monitorati per cinque anni. Gli esiti dello studio hanno dimostrato che chi tra gli intervistati sottoscriveva affermazioni quali “Le mie relazioni interpersonali sono superficiali” o “Non mi sento in sintonia con la gente intorno a me” presentava livelli di ipertensione più alti in media di 14,4 punti. “La solitudine è caratterizzata da un impulso a cercare un contatto con gli altri e dalla contemporanea paura di ricevere un rifiuto o una svalutazione – afferma Louise Hawkley che ha coordinato lo studio- L’ ipervigilanza verso quella può essere definita una specie di minaccia sociale contribuisce all’ insorgenza di alterazioni fisiologiche, tra cui appunto l`aumento della pressione del sangue”.

Vacanze: la felicità è prima di partire

Vacanza da sogno Manca ormai poco più di una settimana alle vacanze di Pasqua. E proprio in questi ...

La città per innamorarsi? Roma

Veduta di Roma Roma, ovvero la città ideale per innamorarsi. La capitale italiana è stata infatti incoronata dal ...