iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il ramo rubato” di Pablo Neruda

Di Redazione24 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Nella notte entreremo
a rubare
un ramo fiorito.
Passeremo il muro,
nelle tenebre del giardino altrui,
due ombre nell’ombra.

Ancora non se n’è andato l’inverno,
e il melo appare
trasformato d’improvviso
in cascata di stelle odorose.

Nella notte entreremo
fino al suo tremulo firmamento,
e le tue piccole mani e le mie
ruberanno le stelle.

E cautamente,
nella nostra casa,
nella notte e nell’ombra,
entrerà con i tuoi passi
il silenzioso passo del profumo
e con i piedi stellati
il corpo chiaro della Primavera.

“Due” di Cesare Pavese

DUE-EgonSchiele_Embrace_LoversUomo e donna si guardano supini sul letto: i due corpi si stendono grandi e spossati. ...

“Un poeta alla donna amata” di William Butler Yeats

whitewomanTi porto con mani religiose i libri dei miei sogni innumerevoli ...