iscrizionenewslettergif
Poesie

“Due” di Cesare Pavese

Di Redazione23 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Uomo e donna si guardano supini sul letto:
i due corpi si stendono grandi e spossati.
L’uomo è immobile, solo la donna respira più a lungo
e ne palpita il molle costato. Le gambe distese
sono scarne e nodose, nell’uomo. Il bisbiglio
della strada coperta di sole è alle imposte.

L’aria pesa impalpabile nella grave penombra
e raggela le gocciole di vivo sudore
sulle labbra. Gli sguardi delle teste accostate
sono uguali, ma più non ritrovano i corpi
come prima abbracciati. Si sfiorano appena.

Muove un poco le labbra la donna, che tace.
Il respiro che gonfia il costato si ferma
a uno sguardo più lungo dell’uomo. La donna
volge il viso accostandogli la bocca alla bocca.

Ma lo sguardo dell’uomo non rnuta nell’ombra.
Gravi e immobili pesano gli occhi negli occhi
al tepore dell’alito che ravviva il sudore,
desolati. La donna non muove il suo corpo
molle e vivo. La bocca dell’uomo s’accosta.

Ma l’immobile sguardo non inuta nell’ombra.

“Il bene di domani” di Louis Aragon

dark-daysAh, è il bene di domani Tutto come ieri Nulla sarà mai come Lo si vede nelle pietre Eppure ...

“Il ramo rubato” di Pablo Neruda

nightgardenNella notte entreremo a rubare un ramo fiorito. Passeremo il muro, nelle tenebre del giardino altrui, due ombre nell'ombra. ...