iscrizionenewslettergif
Sport

Basket in carrozzina al trofeo “Città di Bergamo”

Di Redazione14 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
SBS Bergamo e Santa Lucia Roma in azione

SBS Bergamo e Santa Lucia Roma in azione

BERGAMO — Lo ammetto, non avevo mai visto niente di simile. Mi avevano parlato di una bella squadra di basket in carrozzina, non c’era mai stata l’occasione per vedere all’opera atleti di questo livello ma questa volta l’appuntamento era davvero speciale.

Centro sportivo Italcementi di Bergamo, sabato 13 marzo. La Special Bergamo Sport Siemens Montello, protagonista nel campionato italiano di serie A2, organizza la terza edizione del trofeo KCS “Città di Bergamo”. Il quadrangolare si svolge in una sola giornata e gli ospiti sono CMB Santa Lucia Sport Roma, campione d’Italia e d’Europa, Polisportiva Amicacci Giulianova e i bosniaci del Kik “Una-Sana” Bihac.

I ragazzi di casa, allenati da Coach Claudio Tombolini, si sono sbarazzati in mattinata della formazione bosniaca guadagnandosi la finalissima contro la corazzata di Roma: il 70-40 a favore degli ospiti maturato al 40′ era prevedibile ma oltre al risultato c’è l’ottima riuscita di tutta la manifestazione.

Forse sarà l’emozione della prima volta, magari sono stato fortunato nel vivere una finale priva di grosse tensioni in cui pubblico e giocatori spesso sorridevano insieme. Il basket è uno sport complicato, pensare di vederlo giocato ad ottimi livelli da ragazzi così forti nello spirito e nel fisico era sinceramente difficile.

Ogni pallone è stato combattuto, il rumore sordo e metallico delle “gambe d’acciaio” continuamente a contatto era spezzato solo dalle chiamate delle panchine piuttosto che dalle urla del pubblico. Tra una riparazione volante alla ruota appena colpita ed un tie-break molto utile per riordinare le energie sono letteralmente volati via i quaranta minuti di gioco effettivi che ogni settimana scandiscono gli impegni di questi super atleti.

Super, avete letto bene. Commentando certe discipline, qualcuno può pensare che si cada nella retorica visto l’handicap che ogni protagonista vive in prima persona. Sbagliate. La lezione di sport che arriva da giocatori di questo livello, preparati forse anche di più dei colleghi normodotati, è grandiosa: quando lo spirito è quello giusto, non c’è carrozzina che tenga e anche una caduta che può sembrare pesante o molto grave si trasforma in una bella occasione per dimostrare che c’è sempre un modo per rialzarsi.

Il trofeo ha preso la strada di Roma, Bergamo ha chiuso al secondo posto con Giulianova terza e Bihac quarta. Fin qui  le posizioni conquistate sul campo ma questa volta, lasciatemelo dire, ha trionfato la pallacanestro. Ha vinto la grande manifestazione organizzata dalla SBS Siemens Montello Bergamo. Chapeau.

Fabio Gennari

Atalanta, Capelli: non abbiamo più niente da perdere

Daniele Capelli ZINGONIA -- Lui c'era. Stagione 2004/2005, ultima retrocessione dell'Atalanta in serie B. Al timone Delio ...

Atalanta, nuova sconfitta: a Parma finisce 1-0

La rete decisiva di Bojinov (foto Mariani) PARMA -- Altro giro, altra sconfitta. Proprio nella giornata in cui il clamoroso capitombolo interno ...