iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta: 0-0 contro l’Udinese, nerazzurri in ginocchio

Di Redazione7 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Chevanton e Amoruso sono sconsolati (foto Mariani)

Chevanton e Amoruso sono sconsolati (foto Mariani)

BERGAMO — Niente da fare, serviva una svolta e un successo importante ed invece non è accaduto nulla. Atalanta e Udinese pareggiano per 0-0 quella che per tutti era l’ultima spiaggia nerazzurra si trasforma nell’ennesimo pomeriggio difficile per gli appassionati dell’Atalanta che vedono sempre più lontana la salvezza.

Bortolo Mutti recupera De Ascentis e Amoruso ma dall’inizio sceglie Volpi in cabina di regia con Tiribocchi confermato davanti insieme a Doni: per l’Udinese dentro Cuadrado per Isla e Sanchez in panchina.

Ottimo inizio dei nerazzurri che schiacciano i friulani, la voglia sembra quella giusta anche se di pericoli grossi nei primissimi minuti non se ne vedono a parte una zuccata di Ferreira Pinto al 12′ su cross di Guarente. Una punizione di Pepe al 15′ senza esito e lo shut di Doni in curva al 17′ sono semplici appunti di cronaca che precedono la prima vera grande occasione della partita costruita dai nerazzurri. Splendida apertura di Volpi al 19′, Garics supera in corsa Pasquale e scodella sul secondo palo per Valdes: destro al volo a incrociare e palla sul fondo di un metro. Il cileno è ispirato, al 21′ palla con il contagiri per Ferreira Pinto solo davanti ad Handanovic ma portiere che esce bene.

La squadra di Marino si fa vedere per la prima volta al 25′ con Asamoah che scambia a terra insieme a Di Natale e scarica un sinistro sporco lontano dall’incrocio dei pali; Marino scuote i suoi e Cuadrado prende coraggio al 28′ andando sul fondo e mettendo al centro un pallone girato in bello stile da Floro Flores: Consigli c’è e blocca a terra.

La spinta dei nerazzurri cala, gli ospiti dopo la mezz’ora mettono fuori un po’ di più il naso e al 35′ vanno vicinissimi al vantaggio: contropiede di Floro Flores, assist per Sammarco che di tacco mette Pepe solo davanti a Consigli ma l’estremo è miracoloso nella deviazione a terra.

Doni nel finale accusa un fastidio alla gamba sinistra, Valdes invece è in gran forma e al 43′ fugge sul fondo in piena area, palla dentro per Tiribocchi che di esterno spedisce alle stelle; Doni e Floro Flores agitano i minuti finali e si beccano il giusto giallo.

Prima conclusione della ripresa ad opera del friulano Pepe al 52′, deviazione di Bianco sul fondo, ma gara che riparte in sordina e vive delle fiammate di Valdes: il cileno al 62′ viene completamente ignorato da Guarente che in superiorità numerica decide di fare la cosa peggiore sparando in curva in sinistro davvero pessimo. Mutti getta nella mischia anche Chevanton e Amoruso al posto di Ferreira Pinto e Tiribocchi, il pubblico chiede a gran voce di tirar fuori gli attributi ma di occasioni non se ne vedono e Doni, molto nervoso, sparisce letteralmente dal campo ciabattando malamente anche un destro da posizione interessante all’86’. L’Atalanta rimane in dieci nel finale, fuori Bianco, al 90′ Di Natale scodella per Sanchez che sul secondo palo a porta vuota non trova la deviazione di Asamoah.

Atalanta – Udinese 0-0

Atalanta: Consigli, Garics, Talamonti (22′ Bianco), Manfredini, Bellini, Ferreira Pinto (56′ Chevanton), Volpi, Guarente, Valdes , Doni, Tiribocchi (71′ Amoruso). All.: Mutti

Udinese: Handanovic, Cuadrado (50′ Isla, 65′ Ferronetti), Zapata, Lukovic, Pasquale, Sammarco, Inler, Asamoah, Pepe (81′ Sanchez), Di Natale, Floro Flores. All.: Marino

Espulsi: Bianco(A) all’86’ per doppia ammonizione

Ammoniti: Pepe(U), Bianco(A), Guarente(A), Floro Flores(U), Doni(A),Tiribocchi(A), Ferronetti(U)

Fabio Gennari

La Foppa c’è: battuta 3-1 Jesi pensando alla Scavolini

FoppaPedretti Bergamo BERGAMO -- Diciamo la verità, il rischio del contraccolpo psicologico c'era. Normale, prevedibile, perfino accettabile ...

Chevanton, Ferreira Pinto e Guarente: così non va

Dove è finito Ferreira Pinto? (foto Mariani) BERGAMO -- Siamo ancora qui, ci ripetiamo le solite cose. Per rimanere in serie A ...