iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Perché il bimbo piange? Ve lo dice il Pc

Di Redazione4 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ma la sensibilità di mamma è davvero sostituibile?

Ma la sensibilità di mamma è davvero sostituibile?

Il pianto del bebé ha mille sfumature. Ed è diverso a seconda di cosa vuole comunicare. A rivelarlo uno studio pubblicato sull’International Journal of Biometrics.  

I ricercatori giapponesi del Muroran Institute of Technology di Hokkaido sostengono che i gemiti di fame sono diversi dal pianto causato dalle coliche, e così le urla provocate dal sonno non hanno niente a che fare con gli strepiti per il pannolino da cambiare. Gli studiosi hanno utilizzato un potente computer per registrare e decifrare tutta la gamma di pianti con cui i neonati comunicano bisogni ed emozioni.

Gli scienziati, esaminando le onde sonore, sono certi di essere arrivati a discriminare con precisione le diverse frequenze del pianto. Il passo successivo, spiega il coordinatore della ricerca, Tomomasa Nagashima, “sarà la realizzazione di un piccolo monitor da appendere al collo o al polso del bebè per tradurre istantaneamente il significato delle lacrime. Nessun manuale, purtroppo, aiuta i genitori nel comprendere cosa vogliano dire i pianti del bimbo”.

Scopo finale del baby monitor è una reale traduzione del pianto del bebè “in modo che i genitori sappiano con precisione se il loro bimbo ha sonno, fame o avverte dolore” sottolineano i ricercatori. Ma siamo così sicuri che un computer possa superare la sensibilità e l’esperienza di una mamma?

Tre quarti delle future mamme ha le “voglie”

Voglia di cioccolato Tre quarti delle donne che hanno vissuto una o più gravidanza sanno cosa sia una ...

I bimbi accuditi dai nonni rischiano il sovrappeso

Rischio sovrappeso I bambini che vengono curati dai nonni rischiano maggiormente di essere sovrappeso. A rivelarlo uno ...