iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, continua l’emergenza: fuori anche Ceravolo

Di Redazione4 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Fabio Ceravolo

Fabio Ceravolo

ZINGONIA — Mister Mutti dovrà fare la conta. Dopo il doppio allenamento di mercoledì nel centro sportivo nerazzurro, le notizie sono positive da un verso e molto negative dall’altro.

Iniziamo dalla difesa, Thomas Manfredini dopo la brutta contusione alla tibia rimediata da Borriello nel secondo tempo della gara contro i rossoneri, ha ripreso regolarmente ad allenarsi con il gruppo: la sua presenza, così come quella di Talamonti, è pressoché certa.

Uno dei nerazzurri più positivi delle ultime gare, Jaime Valdes, sembra aver superato ogni problema ma a centrocampo rischia di sentirsi come la particella di sodio nella pubblicità di una famosa acqua minerale: Padoin è squalificato, Guarente e Ferreira Pinto lavorano a parte e pure Ceravolo, sostituto naturale del brasiliano, ha dovuto abbandonare il campo per una distorsione alla caviglia sinistra.

L’entità del problema è da valutare ma le premesse in generale non sono affatto confortanti a tre giorni dalla partita che può valere una stagione: il Mister durante la conferenza di martedì disquisiva sulla necessità di attaccare alti i terzini di Marino ma se non dovesse recuperare nessuno dei due, toccherebbe a Garics più avanzato con Capelli terzino.

Lavoro differenziato anche per Caserta, De Ascentis a questo punto è sicuro di giocare e al suo fianco potrebbe esserci un ballottaggio tra Volpi (searebbe la prima da titolare) e Radovanovic.

In avanti ancora dubbi su Amoruso cui la caviglia crea ancora fastidi, Tiribocchi è rientrato in gruppo così come Doni che con Chevanton saranno le frecce chiamate a centrare il bersaglio grosso per superare lo scoglio bianconero.
Oggi pomeriggio, con inizio alle ore 15, consueta amichevole settimanale contro la Vever sul centrale si Zingonia. Più che indicazioni in prospettiva, sarebbe importante ricevere buone nuove dall’infermeria e pensare solo a non peggiorare la situazione dei disponibili.

Fabio Gennari

Dopo il Bocia, tocca al Baffo: condanna e Daspo fino al 2015

Gli ultras nerazzurri BERGAMO -- Stessa condanna inflitta al "Bocia". Anzi, peggio. Francesco Palafreni, il "Baffo", leader storico ...

Boxe, pesi leggeri: sfida Marasco-Di Silvio

A sinistra, lo sfidante Di Silvio. a destra il campione Marasco CALOLZIOCORTE -- Tutto è ormai pronto per la difesa del titolo italiano Professionisti, pesi leggeri, ...