iscrizionenewslettergif
Bergamo

Ragazza strangolata: in Ospedale il boliviano, ma non risponde

Di Redazione3 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I Carabinieri davanti alla casa in cui si è consumato il crimine

I Carabinieri davanti alla casa in cui si è consumato il crimine

updated BERGAMO — Prima ha cercato di strangolare la fidanzata con una cintura. Ora, dopo, essere stato arrestato dai Carabinieri, Luis Villadorel Sardon, il boliviano di 25 anni accusato del tentato omicidio dopo una lite di Sara Taiocchi, è stato preso da una crisi d’ansia ed è ricoverato agli Ospedali Riuniti di Bergamo, reparto psichiatria.  Il sudamericano, interrogato nel pomeriggio dal magistrato, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

La studentessa di 20 anni vittima della folle gelosia del sudamericano invece resta in coma all’ospedale di Seriate. Il boliviano nel frattempo è stato sottoposto a trattamento farmacologico ed è piantonato da due carabinieri che stazionano davanti alla sua stanza.

Nel pomeriggio l’incontro con il magistrato per l’interrogatorio. Il boliviano non ha risposto alle domande, avvalendosi della facoltà di non rispondere. Le indagini comunque continuano. L’ipotesi più accreditata finora è che il sudamericano abbia agito in seguito a un insano raptus di gelosia. L’accusa a cui deve rispondere l’uomo è di tentato omicidio, mentre sarebbe stata esclusa l’aggravante della premeditazione.

Rifiuti: i bergamaschi possono chiedere la restituzione Iva

Si può chiedere il rimborso delle somme indebitamente versate alla Bas BERGAMO -- Con la sentenza numero 238/2009, la Corte Costituzionale ha deciso che non si ...

Gravissima la ragazza strangolata. Boliviano incapace d’intendere?

L'abitazione in cui è avvenuta l'aggressione BERGAMO -- Nella sua tragica assurdità, pare una tragedia di Shakespeare la vicenda della ragazza ...