iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Vertova: vicenda da chiarire, passo al Gruppo Misto

Di Redazione2 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pietro Vertova abbandona i Verdi e passa al Gruppo Misto

Pietro Vertova abbandona i Verdi e passa al Gruppo Misto

BERGAMO — Riceviamo e pubblichiamo questa nota del consigliere comunale e presentatore della lista dei Verdi Pietro Vertova.

“Stamattina l’Ufficio centrale circoscrizionale per le Elezioni regionali ha comunicato l’esclusione della lista dei Verdi dalle elezioni regionali a Bergamo. Come presentatore della lista, ho depositato in Tribunale 1998 firme, di cui 1200 (da me autenticate) raccolte nelle strade e nelle piazze da me, dai candidati e da molte altre persone, mentre le altre firme sono state raccolte dalla Federazione regionale dei Verdi in piena autonomia e a me consegnate già complete di certificati elettorali poco prima della scadenza della presentazione della lista.

La Commissione ha valutato come non regolari quella parte di firme raccolte dalla Federazione regionale dei Verdi. La motivazione é la seguente: queste firme risulterebbero autenticate da Tommaso D’Aloia, assessore al Comune di Bergamo, che ha però negato l’autenticità della firma e del timbro utilizzato. La Commissione ha quindi escluso la lista dei Verdi dalla circoscrizione di Bergamo per mancato raggiungimento del numero delle firme necessarie (1750).

Non avendo motivi per non credere alla buona fede di Tommaso D’Aloia, presumo che quelle firme siano effettivamente irregolari. Si tratta di un fatto molto grave che porta a due nette considerazioni:

1) Da consigliere comunale eletto come indipendente nella lista dei Verdi, la mia fiducia nei confronti Federazione regionale dei Verdi é sospesa. Intendo andare a fondo in questa vicenda per capire come sia potuto succedere un fatto del genere e di chi siano le responsabilità. Questo fatto, oltre a essere grave di per sè, arreca un danno politico e rovina il lavoro e la spinta partecipativa di molte persone. Le responsabilità sono tutte da chiarire, per il momento in sede di Consiglio comunale passerò al Gruppo Misto.

2) Di fronte a tale fatto e ad altri di cui stanno uscendo proprio oggi le prime notizie, non solo é auspicabile ma é anche necessario un intervento delle autorità competenti. Girando per le strade a raccogliere firme, abbiamo visto pochissime persone impegnate nella raccolta delle firme, un numero assolutamente sproporzionato rispetto ad una richiesta così elevata (minimo 1750 firme su Bergamo per ogni lista). Crediamo che le irregolarità siano molteplici e in molte liste. Le autorità competenti devono riprendere in mano la situazione e fare una verifica rigorosa e puntuale della regolarità delle firme di tutte le liste, anche a costo di ritardare le elezioni regionali”.

Pietro Vertova

Firme irregolari: fuori anche i Verdi

I verdi la scorsa estate, ai tempi di Marcello Saponaro (courtesy www.marcellosaponaro.it) BERGAMO -- "I Verdi non saranno presenti nella prossima consultazione elettorale regionale nella circoscrizione di ...

Calderoli: approvato il ddl, stop ai corrotti in parlamento

Il ministro bergamasco Roberto Calderoli ROMA -- ll Consiglio dei ministri ha approvato il ddl anticorruzione che introduce anche le ...