iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il figlio” di Pablo Neruda

Di Redazione1 marzo 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Ahi figlio, sai, sai
da dove vieni?
Da un lago di gabbiani
bianchi e affamati.
Vicino all’acqua d’inverno
io e lei sollevammo
un rosso fuoco
consumandoci le labbra
baciandoci l’anima,
gettando al fuoco tutto,
bruciandoci la vita.
Cosí venisti al mondo.

Ma lei per vedermi
e per vederti un giorno
attraversò i mari
ed io per abbracciare
il suo fianco sottile
tutta la terra percorsi,
con guerre e montagne,
con arene e spine.
Cosí venisti al mondo.

Da tanti luoghi vieni,
dall’acqua e dalla terra,
dal fuoco e dalla neve,
da così lungi cammini
verso noi due,
dall’amore terribile
che ci ha incatenati
che vogliamo sapere
come sei, che ci dici,
perché tu sai di più
del mondo che ti demmo.

Come una gran tempesta
noi scuotemmo
l’albero della vita
fino alle più occulte
fibre delle radici
ed ora appari
cantando nel fogliame,
sul più alto ramo
che con te raggiungemmo.

“È quel che è” di Erich Fried

amoreÈ assurdo dice la ragione È quel che è dice l'amore È infelicità dice il calcolo Non è ...

“C’era una volta” di Giuseppe Ungaretti

coffeemoonBosco Cappuccio ha un declivio di velluto verde come una dolce poltrona Appisolarmi là ...