iscrizionenewslettergif
Sport

Consigli e l’occasione sprecata: col Chievo dovevamo fare meglio

Di Redazione24 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Andrea Consigli

Andrea Consigli

ZINGONIA — E’ tornato protagonista dopo un periodo difficile. Antonio Conte lo aveva sostituito per il suo bene, Bortolo Mutti lo ha riproposto e i risultati sinceramente si vedono: Andrea Consigli ha subto un gol stranissimo contro il Chievo ma nella ripresa ha respinto bene alcune conclusioni tenendo l’Atalanta in partita fino alla fine.

Andrea, una brutta battuta d’arresto…
Purtroppo abbiamo buttato una partita fondamentale che poteva dare una svolta al nostro campionato. Il Chievo è una squadra ostica, giocano pensando soprattutto a limitare gli avversai però noi davanti al nostro pubblico avremmo dovuto fare qualcosa in più.

Sul gol un po’ di sfortuna, nella ripresa hai salvato la baracca…
Nella ripresa ci siamo un po’ scoperti alla ricerca del pari, offrendo il fianco alle ripartenze del Chievo qualcosa abbiamo rischiato e sono stato chiamato in causa. Siamo stati anche un po’ sfortunati, la deviazione di Garics è stata determinante e il salvataggio sulla riga non ci voleva: tutte cose vere, però la squadra doveva approcciare meglio l’incontro.

Come mai secondo te questi primi tempi così negativi?
Evidentemente non riusciamo a scendere in campo subito con la testa giusta: quando è accaduto, come contro la Lazio, nel giro di 20 minuti la pratica era risolta. Purtroppo è un limite nostro, dobbiamo per forza migliorare perchè non possiamo più regalare niente a nessuno.

Mutti deve lavorare più sull’aspetto mentale o quello tecnico-tattico?
Questo non lo so, dovete chiederlo al mister. Dal punto di vista caratteriale, soprattutto adesso che ogni volta sarà una finale, serviranno piglio e grinta giusti perchè i punti da fare sono tanti e vogliamo salvarci.

Se avessi una bacchetta magica, chi faresti sparire del Milan?
E’ difficile rispondere, hanno una rosa talmente ampia che nel caso di assenza da parte di un campione Leonardo può fare affidamento su un compagno di pari valore. Vorrei solo che l’Atalanta avesse un po’ di fortuna e quando la palla batte il portiere non ci fosse un difensore o il palo a respingere.

Un dato oggettivo riguarda i miglioramenti della difesa…
Difendiamo a zona mantenendo la linea alta come eravamo abituati, Conte chiedeva movimenti nuovi che inizialmente siamo riusciti a fare ma che con il passare delle partite ci hanno creato parecchi problemi. Si rischia poco, l’impressione è acuita anche dal fatto che invece dello scorrimento esasperato cerchiamo qualche volta la palla lunga per accorciare verso la metà campo: così si rischia meno.

Pensi che possa incidere la partita di Firenze sulla forma del Milan?
Credo non incida molto, sono abituati tutti a giocare ogni tre giorni e quindi non sentono la fatica. Dobbiamo tenere i ritmi alti, se ci abbassiamo e li lasciamo giocare ci faranno male.

Fabio Gennari

Sabato e Domenica prossima Ski&Test drive a Foppolo

Foppolo capitale dello Ski&Test Drive FOPPOLO -- Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno, torna l’imperdibile appuntamento dedicato a ...

Ufficiale: Milan-Atalanta aperta ai tifosi bergamaschi

Il settore ospiti di Milano Updated BERGAMO -- E' arrivata poco fa la decisione del Casms su Milan-Atalanta. La partita, ...