iscrizionenewslettergif
Poesie

“Splendessero lanterne” di Dylan Thomas

Di Redazione17 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Splendessero lanterne, il sacro volto,
Preso in un ottagono d’insolita luce,
Avvizzirebbe, e il giovane amoroso
Esiterebbe, prima di perdere la grazia.
I lineamenti, nel loro buio segreto,
Sono di carne, ma fate entrare il falso giorno
E dalle labbra le cadrà stinto pigmento,
La tela della mummia mostrerà un antico seno.

Mi fu detto: ragiona con il cuore;
Ma il cuore, come la testa, è un’inutile guida.
Mi fu detto: ragiona con il polso;
Ma, quando affretta, àltero il passo delle azioni
Finché il tetto ed i campi si livellano, uguali,
Così rapido fuggo, sfidando il tempo, calmo gentiluomo
Che dimena la barba al vento egiziano.

Ho udito molti anni di parole, e molti anni
Dovrebbero portare un mutamento.

“Carnevale” di Gianni Rodari

carnevaleCarnevale in filastrocca, con la maschera sulla bocca, con la maschera sugli occhi, con le toppe sui ginocchi: sono ...

“Amo tutto ciò che è stato” di Fernando Pessoa

passato-alle-spalleAmo tutto ciò che è stato, tutto quello che non è più, il dolore che ormai non ...