iscrizionenewslettergif
Musica

La corale del Papa in concerto a S.Caterina

Di Redazione17 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Marco Frisina dirige la corale nella Sala Nervi in Vaticano

Marco Frisina dirige la corale nella Sala Nervi in Vaticano

Dopo il successo ottenuto a Bergamo lo scorso 6 novembre dalla Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, il 20 e 21 febbraio 2010 in città, presso la chiesa prepositurale di Borgo Santa Caterina, si terrà un doppio appuntamento di musica sacra con l’altro complesso di voci a servizio della Chiesa di Roma e del Papa. Protagonista, stavolta, il Coro della Diocesi di Roma con il suo fondatore e direttore, monsignor Marco Frisina, con l’accompagnamento dell’Orchestra sinfonica di Lecco.

Fisina è un compositore di brani ormai famosi in tutto il mondo, come il celeberrimo inno della Giornata Mondiale della Gioventù “Jesus Christ, you are my life”, e anche autore di moltissime colonne sonore. Il Coro della Diocesi di Roma – per la prima volta in terra bergamasca – sabato 20 febbraio, alle 21, proporrà una elevazione musicale (ad ingresso libero) in cui verranno riletti alcuni dei brani più significativi tratti dalla vasta produzione del suo direttore. Domenica 21, alle 10,30, presterà invece servizio liturgico alla Santa Messa, accompagnato allo storico organo Bossi-Serassi (da poco restaurato, così come la chiesa prepositurale di Borgo Santa Caterina) dal maestro Damiano Rota.

Il filo conduttore delle due occasioni musicali sarà caratterizzato dal ricordo del Beato Giovanni XXIII, il Pontefice originario di Sotto il Monte. Il Coro della Diocesi di Roma, infatti, desidera fare un omaggio alla memoria del Papa bergamasco attraverso alcuni dei brani proposti durante il concerto di sabato. In particolare: “Shemà Israel” (in ricordo del prodigarsi dell’allora Card. Angelo Roncalli in favore di moltissime famiglie ebree durante la II Guerra Mondiale, quando era Nunzio Apostolico ad Istanbul); “Pacem in terris” (brano che celebra l’omonima enciclica di Giovanni XXIII, un grido perché la pace possa dimorare nei cuori di tutte le genti); “Verso il cielo” (tema del film su Papa Giovanni XXIII, che accompagna il suo ingresso nella Casa del Padre); “Ave mundi Spes” (la preghiera prediletta da Papa Roncalli, che egli recitava ogni sera).

“I nostri concerti – spiega monsignor Marco Frisina, direttore del Coro e dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Roma – in realtà sono delle “testimonianze spirituali”, delle catechesi che si servono della musica per meglio comprendere il Mistero d’amore che si realizza nella vita cristiana e nella Liturgia. L’invito che ci è stato fatto dagli amici di Bergamo mi riempie di gioia: il concerto sarà un momento straordinario in cui la bellezza, che manifesta lo splendore del Volto di Cristo, potrà inondarci della sua luce e potrà unirci più saldamente come unica Chiesa che canta le lodi di Dio. In questo periodo in cui il mondo vive tristezze profonde e sperimenta il dolore e a volte l’angoscia, la musica rimane un dono di Dio prezioso perché – conclude monsignor Frisina – può orientare il nostro cuore verso l’Assoluto e può consolare e pacificare i cuori feriti”.

La duplice iniziativa, promossa dalla Parrocchia di Santa Caterina V.M. in Bergamo, coinvolge la Diocesi di Bergamo, con l’Ufficio di Musica Sacra.

Michael Jackson frustato dal padre

Michael Jackson Qualora fosse confermato quel genitore sarebbe da rinchiudere. Michael Jackson da piccolo era frustato dal ...

Sanremo: via al Festival aspettando Tiziano Ferro

Antonella Clerici Un inizio a sorpresa per il sessantesimo Festival di Sanremo. A traghettare il festival nel ...