iscrizionenewslettergif
banner-per-bergamoseragif
Economia

Le imprese bergamasche scommettono sul solare

Di Redazione16 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pannelli fotovoltaici

Pannelli fotovoltaici

Bergamo punta sulle energie rinnovabile. Lo fa proponendosi come capofila nel progetto innovativo di creare un meta distretto o una rete di imprese per il settore dell’energia. Le basi sono state poste questa mattina in un incontro organizzato allo Ster di Bergamo (sede della Regione Lombardia) che ha visto la partecipazione di: Stefano Saglia, sottosegretario allo Sviluppo Economico; l’onorevole Gregorio Fontana e la senatrice Alessandra Gallone; i consiglieri regionali Carlo Saffioti, Pietro Macconi e Marcello Raimondi; Carlo Mazzoleni, presidente di Confindustria Bergamo; Angelo Carrara, presidente dell’Associazione Artigiani di Bergamo; Pietro Romanò, assessore provinciale all’Ambiente; Massimo Bandera, assessore all’Ambiente del Comune di Bergamo; il professor Antonio Perdichizzi, docente di Sistemi Energetici dell’Università degli Studi di Bergamo.

L’esigenza di creare un meta distretto o una rete di imprese dedicato interamente all’energia nasce da un duplice obiettivo: da una parte il raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Unione Europea (ridurre i gas ad effetto serra del 20%, ridurre i consumi energetici del 20% attraverso un aumento dell’efficienza energetica; soddisfare il 20% del nostro fabbisogno energetico mediante l’utilizzo delle energie rinnovabili) e dall’altra cogliere le opportunità sul fronte dei finanziamenti pubblici e di nuovi posti di lavoro, offerti dal settore.

“Si tratta di un’occasione da non perdere. Le energie rinnovabili e l’efficienza energetica sono due leve importanti per l’economia del nostro territorio e soprattutto per il mondo del lavoro che può trovare un ampio respiro da questo settore – ha detto il consigliere regionale Carlo Saffioti -. Abbiamo delle ottime iniziative imprenditoriali che, mettendosi in rete, potrebbero creare un valore aggiunto per la nostra regione e per il Paese intero. Oltre a questa strada, si fa forte la necessità di attivarsi per il nucleare perché senza energia non ci può essere lo sviluppo”.

“L’obiettivo del risparmio energetico e della massima diffusione delle energie rinnovabili è uno dei pilastri della politica regionale – commenta Marcello Raimondi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia, presente all’incontro –. La Lombardia è la prima regione in Italia per numero di impianti fotovoltaici: questa attenzione verso l’ambiente e le forme di energia rinnovabile è una politica fortemente sostenuta dal governo di Formigoni che ha cofinanziato attraverso numerosi bandi l’installazione di impianti di energie alternative. L’investimento regionale sul tema delle rinnovabili è già in corso da anni e dunque vediamo in modo molto favorevole la proposta di un Distretto dell’Energia. Soprattutto visto l’impegno che la Regione Lombardia ha assunto con l’Unione europea per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, per il risparmio dei consumi energetici e per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Bergamo può davvero diventare la forza trainante per la produzione di tecnologie per l’energia rinnovabile attraverso una sinergia di imprese accompagnate dalle istituzioni”.

Guerini presidente di Federsolidarietà Lombardia

Guerini (a sinistra) e il presidente uscente Giussani Il segretario generale di Confcooperative Bergamo, Giuseppe Guerini, è stato eletto presidente di Federsolidarietà Lombardia. ...

Confcooperative: convegno sulle novità fiscali 2010

Le novità fiscali nel convegno Confcooperative Oggi mercoledì 17 febbraio, presso l’auditorium della sede in via Serassi 7, Confcooperative Bergamo organizza ...