iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Belotti (Lega): le ipocrisie del Pd sullo sgombero di via Rovelli

Di Redazione15 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Le baracche sgomberate in via Rovelli

Le baracche sgomberate in via Rovelli

BERGAMO — “Un comunicato pieno di squallido buonismo e becera ipocrisia”. Non usa mezzi termini il capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale Daniele Belotti per commentare la nota dei consiglieri comunali del Pd sull’azione di sgombero di alcune baracche in via Rovelli messa in atto la settimana scorsa dall’amministrazione comunale.

“Il Pd – spiega Belotti – attacca l’assessore Invernizzi perché era presente, insieme agli agenti della Polizia locale allo sgombero della baraccopoli nei prati dietro il Mercato Ortofrutticolo. Ci vuole un bel coraggio a criticare un assessore perché è presente sul campo, a verificare di persona la situazione, affianco ai propri agenti. Una critica di bassissimo livello se arriva perfino a contestare il giaccone (della Protezione Civile) indossato da Invernizzi. Possiamo capire che per una giunta che per anni assecondava un comandante della Polizia locale che prestava servizio con camicie hawaiane e cappelli con orecchie da cocker, vedere un assessore con un giaccone della Protezione Civile possa essere difficile da comprendere, ma vi possiamo assicurare che basta un piccolo sforzo. Volete scommettere, poi, che se Invernizzi non fosse stato presente, veniva accusato di vigilare personalmente sugli sgomberi?”.

“Riguardo alle accuse di effettuare sgomberi spettacolari ‘senza indicare però come e se fornisca un riparo adeguato, se pure temporaneo, dai rigori dell’inverno a chi non ha casa’ e all’autoincensamento della passata amministrazione che ‘ha chiuso un campo rom senza bisogno però di spettacolarizzazione e trovando tutte le strade possibili per l’integrazione’ è bene ricordare, a chi ha perso la memoria, alcuni episodi del recente passato”, prosegue Belotti.

“La spettacolarizzazione: in diversi sgomberi effettuati dall’ex sindaco Bruni e dall’assessore Guerini (es. 18/5/07, 30/11/07, 26/7/08, 23/4/09) è stata data comunicazione a giornali e televisioni che hanno così documentato l’intervento. Addirittura, negli ultimi mesi di mandato, la spettacolarizzazione aveva raggiunto livelli “hollywoodiani” come ad esempio il blitz all’alba del 23 gennaio 2009 all’ex Franchi con ben 13 pattuglie (10 della polizia locale e 3 della questura). Emblematica, inoltre, la dichiarazione dell’allora assessore alla Sicurezza Dario Guerini a commento della demolizione di alcune baracche in città il 30/11/07: ‘Nessuna tolleranza per insediamenti illegali’. L’assistenza: ma sono proprio sicuri i consiglieri del Pd di aver sempre “indicato un riparo adeguato” agli sgomberati? Dalle cronache dei giornali leggiamo: “Durante il blitz i senzatetto sono stati invitati a non rientrare negli stabili dell’ex Cesalpinia” (2/2/05), ma non è stato dato loro alcun riparo alternativo; “Mentre sarò al lavoro spazzeranno via la mia “casa”. Stasera non saprò dove dormire” diceva uno dei 30 rom sgomberati dalla baraccopoli di via Daste Spalenga il 18/5/07; ai 15 rom adulti e 3 bambini sgomberati in via Rovelli il 26/7/08 era stata garantita assistenza solo a due donne con i figli, gli altri niente. Qualcuno tra i 5 rom sgomberati l’altro giorno ha visto per caso dei bambini?”, prosegue il consigliere comunale della Lega.

“E questi sono solo alcuni esempi. Rispetto a quanto dichiarato dai consiglieri del Pd che si attaccano perfino ai giacconi della Protezione Civile pur di contestare Invernizzi viene proprio spontanea una considerazione: ma quanta ipocrisia! Serve una dose abbondante di fosforo”, conclude Belotti.

Calderoli: tolleranza zero verso gli irregolari. La sinistra faccia mea culpa

Le conseguenze degli scontri in via Padova, a Milano BERGAMO -- "Ora tolleranza zero verso gli irregolari. Questa è la pesante eredità della politica ...

An: vertice con Gasparri in un ristorante di Città Alta

Maurizio Gasparri BERGAMO -- Non c'è San Valentino che tenga per la politica. Ieri, domenica, i vertici ...