iscrizionenewslettergif
Salute

Tristezza di stagione? Ecco la “terapia della luce”

Di Redazione11 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Terapia della luce contro la tristezza di stagione

Terapia della luce contro la tristezza di stagione

Sono sempre più le persone che soffrono del cosiddetto “seasonal affective disorder (SAD)”, cioè della depressione prodotta dalle lunghe giornate buie invernali. Il problema colpisce maggiormente i paesi nordici dove il 10 per cento della popolazione è affetta dal problema, mentre un altro 30 per cento denuncia qualche sintomo durante i mesi più buii. Ma non solo. Anche in Italia il problema è abbastanza diffuso e si mischia con altri disturbi del periodo.

Da oggi la soluzione c’è.  All’Università del Vermont (Usa) un team di ricerca ha messo a punto un metodo per la cura della “seasonal affective disorder”: esporre i pazienti a speciali lampadi, oltre a trattamenti psico-cognitivi. Kelly Rohan, che ha diretto la ricerca, ha suddiviso 69 persone con SAD in quattro gruppi. Il primo gruppo è stato sottoposto alla terapia della luce, il secondo ad una terapia cognitivo-comportamentale (CBT), il terzo ad una combinazione di entrambi ed il quarto ha svolto una funzione di “controllo”, non essendo stato sottoposto ad alcuna terapia.

I pazienti che hanno partecipato allo studio sono stati intervistati un anno dopo per capire come sono evoluti i fenomeni depressivi. Di quelli trattati con CBT, solo il 7 per cento ha mostrato recidività rispetto al 36,7 per cento delle persone trattate con terapia della luce, anche se se queste ultime mostravano già livelli di depressione più elevati, rispetto a quelle curate con terapie comportamentali.

I risultati migliori si sono visti nel gruppo in cui erano state combinate le due terapie: per quei pazienti il tasso di recidività è del 5,5 per cento. Tuttavia gli esperti invitano alla prevenzione. Infatti la depressione invernale si combatte anche con una serie di interventi naturali e coordinati: molto esercizio fisico svolto con regolarità, una dieta bilanciata con proteine magre e carboidrati integrali, relazioni sociali affidabili.

Psicologia: sotto stress lui va in tilt, lei resiste

Le diverse reazioni sotto stress Sotto stress uomini e donne sono profondamente diversi. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Neuroscience, ...

Scovato il gene che rende giovani

Peter Pan Il gene di "Peter Pan", o dell'eterna giovinezza, esiste davvero. Anche se è indubbio che ...