iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, Mutti vuole continuità: dobbiamo cercare punti ovunque

Di Redazione9 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bortolo Mutti

Bortolo Mutti

ZINGONIA — Adesso serve continuità. Bortolo Mutti, alla ripresa degli allenamenti, ha mandato un messaggio chiaro alla truppa. Dopo il successo sul Bari, vitale classifica alla mano, è necessario restare sui binari giusti continuando a rimpinzare il bottino di punti contro ogni avversario. Alla fine ogni piccolo mattone può essere determinante per raggiungere la salvezza, presentarsi a Catania senza l’obbligo di dover vincere sarà sicuramente un vantaggio.

Mister, un successo di grande valore purtroppo annebbiato da qualche impresa inaspettata delle dirette concorrenti..
Quanto centri risultati come questo sarebbe effettivamente importante che anche dagli altri campi arrivassero buone nuove. Non è stato così, dispiace ma andiamo avanti pensando solo alla nostra corsa. Ogni domenica, da qui alla fine, dobbiamo pensare a fare il massimo verificando gli altri risultati solo alla fine. Ci aspetta la trasferta di Catania, partita particolarmente importante vista la classifica e il momento delle due squadre: dobbiamo giocare come domenica, con voglia e senza pensare al resto.

La tenuta fisica, soprattutto nella ripresa, è stata confortante..
Lunedì pomeriggio ho rivisto con calma la partita, mi è piaciuto anche l’atteggiamento dei primi 45 minuti. Abbiamo pressato il Bari fin sulla bandierina del calcio d’angolo, dal punto di vista mentale la voglia di fare è venuta fuori molto bene e credo che i nostri avversari abbiano sofferto: vogliamo giocarci la partita, sempre. Lo spirito è quello giusto, fisicamente dobbiamo correre più degli altri reggendo ritmi alti: la ricetta migliore è questa.

Certo che la classifica, Siena a parte, si è ricompattata..
Mancano quindici partite, penso che dai 25 punti del Bologna in giù siano tutte coinvolte. Le altre dal punto di vista mentale sono forse messe meglio perchè possono gestire anche dei passi falsi, noi non ce lo possiamo permettere. Su qualche squadra abbiamo recuperato, su altre no. Vediamo tra qualche domenica come saremo messi, servono altri risultati positivi perchè i numeri adesso per noi sono ancora negativi.

La sua media comunque è buona, sono sette punti in cinque gare. Soddisfatto?
La media è buona, ho fatto lo stesso ragionamento. Nonostante le tre trasferte abbiamo mosso bene la classifica, è vero che avremo da qui alla fine più impegni in casa che fuori ma non si può sempre pensare di vincere. Ecco perchè dico che la continuità, i punti strappati anche lontano da Bergamo e la voglia di crederci saranno determinanti: siamo convinti di potercela fare.

Con il Catania avrete due risultati su tre: non perdere è fondamentale..
Sempre li avremo, non solo domenica. E’ una tappa importante, l’obiettivo è un risultato positivo perchè tassello dopo tassello i conti alla fine tornerebbero comunque. Avevo già detto alla squadra martedì scorso, dopo la batosta di Genova, che i numeri ci danno ragione e anche con il morale a terra bisognava rialzare la testa e pensare positivo: il successo sul Bari è molto importante, la consapevolezza è ancora migliorata e quindi in Sicilia andiamo per fare la nostra partita. Sarà dura, anche i nostri avversari sono in un bel momento e sotto l’aspetto tecnico sono organizzati: le individualità non mancano, è una gara complessa ma non ci deve spaventare.

Crede che Parma e Chievo a quota 29 siano già fuori dalla zona rossa?
Hanno una struttura di squadra collaudata, potranno avere momenti difficili ma credo abbiano tutto per fare un campionato tranquillo. Mi auguro che possano avere una flessione però francamente credo ce ne siano solo cinque coinvolte oltre al Siena: l’Udinese ha una rosa importante, deve recuperar la partita con il Cagliari che è in una posizione tranquilla e non è ostacolo proibitivo.

Un gol nelle ultime tre gare nonostante le occasioni create. Dove si deve migliorare?
Abbiamo rifinito molto anche sulle fasce, il lavoro è stato importante ma si deve migliorare in qualità. Con la Lazio nei primi due tiri siamo andati subito avanti, i numeri delle ultime tre gare sono pesanti come i cinque gol segnati tra Lazio e Bologna. Pensiamo partita dopo partita, io sono contento di aver segnato contro il Bari creando molto ma sono contento anche di segnarne uno solo non subendone.

Certo che i cambi hanno dato i frutti sperati..
Chi entra deve saper dare un contributo importante, le gare ormai si giocano in 13 o 14. Bologna e Bari hanno dimostrato che in fase realizzativa dalla panchina è arrivato un grande aiuto, dovremo ripeterci anche in futuro.

La grande prestazione di Valdes potrebbe metterla in difficoltà nelle scelte?
Per lui era una grande occasione per farsi vedere con un contributo di livello. E’ un giocatore tatticamente determinante, soprattutto in casa quando sei in pressione è capace di creare la superiorità numerica in attacco: quando soffri paga qualcosa, la rabbia che ha dimostrato domenica scorsa gli ha permesso di fornire una prestazione davvero su livelli molto buoni.

Fabio Gennari

Atalanta, nuovo ingresso in società o un’uscita eccellente?

Francesca Ruggeri BERGAMO -- Non è stato un lunedì come gli altri. Se per i protagonisti del ...

Valdes pensa alla squadra: uniti per salvare l’Atalanta

Jaime Valdes ZINGONIA -- Prosegue la marcia di avvicinamento della truppa nerazzurra alla sfida di Catania. Messa ...