iscrizionenewslettergif
Politica

Udc, Regionali: Casini lancia Bonfanti capolista, ma la vera gara è fra Bettoni e Arnoldi

Di Redazione8 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La presentazione al Cristallo Palace. Da sinistra, Gritti, Casini, Pezzotta, Pasinetti, Scotti

La presentazione al Cristallo Palace. Da sinistra, Gritti, Casini, Pezzotta, Pasinetti, Scotti

BERGAMO — E’ stato Pierferdinando Casini in persona a lanciare la candidatura dal palco dello Starhotels Cristallo Palace venerdì sera. “Caro Bonfanti spero che tu possa accettare la nostra nomina a capolista dell’Udc alle prossime elezioni regionali” ha detto il leader del partito rivolgendosi al consigliere regionale uscente Battista Bonfanti, eletto nella scorsa legislatura nelle file del Pd.

La querelle sulle candidature dentro l’Unione di centro, vero tema politico di queste elezioni dall’esito abbastanza scontato almeno per il governatore, comincia a prendere una piega comprensibile anche agli elettori. Si tratta di una strategia che Casini ha spiegato chiaramente nell’incontro del Cristallo Palace in cui ha presentato ufficialmente il suo candidato alla presidenza della Regione: il bergamasco Savino Pezzotta.

“Andiamo da soli in Lombardia perchè puntiamo a far saltare questo bipartitismo che non ci piace – ha detto Casini -. Siamo al lavoro per il dopo-Berlusconi. Facciamo un investimento politico sull’evoluzione futura. Si tratta, come tutti gli investimenti, di un rischio. Ma non possiamo accettare l’attuale situazione politica in cui ad avvantaggiarsi sono quei partiti che tengono al guinzaglio il Pdl e il Pd: ovvero la Lega e l’Italia dei Valori. Noi contestiamo fortemente la Lega che tiene in scacco il centrodestra così come Di Pietro col Pd. Sappiamo che è una scelta impopolare, ma al Nord il nostro compito è quello di sbarrare la strada alla Lega”.

“A sinistra c’è confusione, il fallimento del Pd è lì da vedere – ha aggiunto Casini – e ad approfittarne sarà l’Italia dei valori. Mentre a centrodestra la Lega fa il bello e cattivo tempo. Lucrano gli uni sugli altri. Noi siamo la vera alternativa – ha concluso l’esponente dei moderati – siamo gli avversari anti-sistema. Vogliamo smantellare l’odierna idea di politica”.

“Noi siamo il cambiamento  – gli ha fatto eco Savino Pezzotta – Vogliamo rinnovare la democrazia e farla finita con un sistema in cui tutti dipendono da un padrone. Abbiano un’idea diversa di Lombardia. Vogliamo una Lombardia che abbia un ruolo nazionale nell’Europa, non in Padania. Al primo posto del nostro programma mettiamo lavoro, occupazione e famiglia”.

L’Udc conta di portare un consigliere bergamasco al Pirellone. Quanto alle candidature, Casini ha confermato che fra i 14 papabili (la lista alla fine sarà composta da 7 nomi) ci sono anche Valerio Bettoni e Gianantonio Arnoldi. E’ fra questi ultimi che si gioca la vera gara interna al partito. Nessuno dei due ha ancora detto sì ufficialmente alla candidatura. Ma entrambi erano in sala venerdì sera e Casini li ha invitati alla corsa.

Si tratta di due nomi pesanti della politica bergamasca. Entrambi ex democristiani, Bettoni è stato presidente della Provincia di Bergamo, Arnoldi parlamentare nelle file di Forza Italia prima di approdare all’Udc nel 2007. Il loro posizionamento politico è diverso. Bettoni ama fare gara a sé, tanto che alle scorse elezioni provinciali ha presentato una lista propria supportata dall’Udc provinciale, e non disdegna di strizzare l’occhio al centrosinistra. Arnoldi è invece esponente di quell’area cattolica e moderata che ama il dialogo con il centrodestra. Entrambi abili strateghi, hanno caratteri diametralmente opposti: vulcanico Bettoni, più riflessivo Arnoldi. Così come diversi sono i bacini geografici in cui andranno a pescar voti. Bettoni nutre ancora forti consensi in Valcavallina, in Valseriana e Valbrembana. Arnoldi è più forte nella Bassa, nel Trevigliese, nell’Isola e in città. Come si muoverà il partito? Difficile dirlo. Ma Roma, talvolta, dista anni luce da Bergamo.

Regionali: gli ex An candidano Andrea Tremaglia

Andrea Tremaglia BERGAMO -- Un cognome, un destino. Dopo Mirko e Marzio tocca a Andrea Tremaglia buttarsi ...

Calderoli: la tassa unica sugli immobili l’ho proposta un anno fa

Roberto Calderoli ROMA -- "Non posso che essere d'accordo con la proposta di Sergio Chiamparino e di ...