iscrizionenewslettergif
Poesie

“Quanto ancor più bella sembra la bellezza” di W. Shakespeare

Di Redazione8 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Quanto ancor più bella sembra la bellezza,
per quel ricco ornamento che virtù le dona!
Bella ci appar la rosa, ma più bella la pensiamo
per la soave essenza che vive dentro a lei.
Anche le selvatiche hanno tinte molto intense
simili al colore delle rose profumate,
hanno le stesse spine e giocano con lo stesso brio
quando la brezza d’estate ne schiude gli ascosi boccioli:
ma poiché il loro pregio è solo l’apparenza,
abbandonate vivono, sfioriscono neglette e
solitarie muoiono. Non così per le fragranti rose:
la loro dolce morte divien soavissimo profumo:
e così è; per te, fiore stupendo e ambito,
come appassirai, i miei versi stilleran la tua virtù.

“Più felice sono quando più lontana” di Emily Bronte

womanmoonlightPiù felice sono quando più lontana porto la mia anima dalla sua dimora d'argilla, in una notte ...

“Nella sua fiamma mortale” di Pablo Neruda

crepuscoloNella sua fiamma mortale la luce ti avvolge, assorta, pallida, dolente, così disposta contro le vecchie eliche ...