iscrizionenewslettergif
Sport

La speranza dei tifosi: Doni premiato e l’Atalanta vincente

Di Redazione4 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cristiano Doni

Cristiano Doni (foto Mariani)

BERGAMO — Prima la targa e poi i tre punti. Cristiano Doni, uomo simbolo dell’Atalanta, verrà premiato venerdì 5 febbraio alle 19.15 dal sindaco di Bergamo Franco Tentorio con una targa celebrativa per i 100 gol realizzati in maglia nerazzurra.

Dopo la benemerenza assegnata l’anno scorso, ecco un nuovo prestigioso riconoscimento per un giovanotto di ormai 37 anni che tutt’oggi scrive la storia della società atalantina.

Conoscendolo, Doni sarà sicuramente onorato della decisione presa a Palazzo Frizzoni ma le sue attenzioni saranno totalmente rivolte alla fondamentale gara casalinga in programma domenica contro il Bari.

Nella consueta sgambata settimanale del giovedì, il tecnico Mutti ha mischiato un po’ le carte ma alcune indicazioni sono già decisive. Insieme al rientrante capitano, giocherà Nicola Amoruso che ha segnato una doppietta contro il Paladina (nel 5-0 finale a segno anche Doni, Ceravolo e Ferreira Pinto) ed è apparso in buona forma.

Senza Guarente squalificato e con De Ascentis ancora ai box sono stati provati Volpi e Caserta in mezzo al campo e la sensazione è che domenica potrebbe toccare a loro. Padoin, leggermente affaticato ma non in dubbio per il Bari, dovrebbe agire insieme a Bellini dalle parti di Alvarez per garantire maggiore copertura con Ferreira Pinto e Valdes a giocarsi una maglia sulla fascia destra.

In campo anche Radovanovic, Zanetti invece ha lavorato a parte con Mutti che avrà certamente qualche problema di scelte: la decisione di far disputare a porte chiuse sia l’allenamento in programma venerdì che la rifinitura di sabato in qualche modo conferma la volontà di lavorare sulle possibili soluzioni senza lasciar trapelare molto all’esterno.

Ultima ma non meno importante è l’iniziativa promossa dalla società “Invita un amico allo stadio”. Per ogni abbonato, con 5 o 10 euro in più sarà possibile acquistare un posto del medesimo settore: il chiaro intento è quello di portare quante più persone possibili a sostenere i colori nerazzurri.

La speranza è certamente quella che il Comunale possa tornare ad essere quel fortino inespugnabile che era nelle passate stagioni, considerando decisive le prossime tre gare ed essendo vietata la trasferta di Catania (decisione antipatica ma prevedibile dopo i disordini dell’andata) è doveroso esserci in casa e rilanciare l’appello a tutti quelli che questi colori li sentono addosso.

Il momento è difficile però arriva il Bari, mica l’Inter o il Real Madrid. Ci sono tre punti in palio e la salvezza è solo poco più in su. Crederci gente, forza: domenica tutti allo stadio, questa Atalanta ha bisogno di voi.

Fabio Gennari

Atalanta, Padoin è sicuro: ci aspettano 16 finali

Simone Padoin ZINGONIA -- Lui, nel bene o nel male, si salva sempre. Massimo impegno, ottime prestazioni. ...

L’Atalanta c’è, contro il Bari decide Tiribocchi

La rete decisiva di Simone Tiribocchi (foto Mariani) BERGAMO -- Aprite le orecchie, sta suonando il "Tir". L'Atalanta batte per 1-0 il Bari ...