iscrizionenewslettergif
Salute

La pausa caffè fa bene al cervello

Di Redazione2 febbraio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una salutare pausa caffè

Una salutare pausa caffè

La classica pausa caffè non è solo un momento irrinunciabile della giornata. Infatti un piccolo break aiuterebbe a lavorare, studiare, memorizzare meglio. Lo dimostra uno studio coordinato da Lila Davachi e condotto da Arielle Tambini, del dipartimento di Psicologia della New York University, pubblicato sulla rivista Neuron.

Secondo questa ricerca non solo la lunga pausa di sonno notturno, ma anche le piccole pause quotidiane – il tempo di un caffé tra una riunione e l’altra o tra una lezione e la successiva – vanno a beneficio della funzionalità del cervello, e in particolare della memoria. Le esperte hanno coinvolto un gruppo di persone mostrando loro delle coppie di immagini. Dopo la visione delle stesse, a tutti è stato concesso un break di alcuni minuti chiedendo loro di rimanere svegli.

I ricercatori hanno testato la memoria del campione chiedendogli di ricordare le foto precedentemente viste. E’ emerso che nel corso della pausa le aree dell’ippocampo e della corteccia, che si erano attivate mentre ciascuno guardava le foto, si accendono nuovamente anche se con intensità di attivazione variabile da persona a persona. Non solo: tanto più intensamente queste aree si riattivano durante la pausa, tanto maggiore sarà la performance mnemonica della persona al momento del test. Concedersi un momento di pausa caffé dopo una lezione o dopo ore di lavoro può veramente aiutare a fare ordine e ricordare ciò che si è appreso.

La pelle specchio dello stress

La pelle è specchio dello stress La nostra pelle riflette il grado di stress cui siano sottoposti. Infatti, le malattie della ...

Fertilità: a 30 anni scende al 10 per cento

La fertilità a 30 anni è ridotta al 10 per cento del potenziale Superati i 30 anni, il 90 per cento della riserva ovarica delle donne è già ...