iscrizionenewslettergif
Economia

Solo per pagare le tasse lavoriamo fino al 23 giugno

Di Redazione19 gennaio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gli italiani lavorano 4 ore al giorno per pagare le tasse

Gli italiani lavorano 4 ore al giorno per pagare le tasse

Ci libereremo del fisco solo dal 23 giugno. Non è un auspicio ma quanto rilevato dalla annuale classifica redatta dal Corriere della sera sul giorno della liberazione fiscale. Il dato indica quanto gli italiani devono dedicare del loro reddito al fisco, e di conseguenza quanto lavorare per pagare il loro carico fiscale.

In altre parole, la corvée fiscale del 2010 durerà 173 interminabili giornate, pari a una pressione tributaria che supera il 47 per cento. Un giorno in più rispetto all’anno scorso. È quasi un record storico di questa classifica che il Corriere stila dal 1990. Solo nel 2000 era andata peggio.

Non può sorridere nemmeno l’altro contribuente che CorrierEconomia, con l’aiuto dell’Ufficio studi dell’Associazione artigiani di Mestre, utilizza per calcolare il giorno della liberazione fiscale. È un operaio che guadagna 22.753 euro e che si libererà dal giogo delle tasse prima dell’impiegato, il 5 maggio, sempre, però, con 24 ore di ritardo sul 2009.

La pressione tributaria, insomma, è aumentata ulteriormente, anche se non ci sono state modifiche peggiorative nel nostro sistema tributario. Lo spostamento in avanti del «Tax Freedom Day» è quasi tutto imputabile, infatti, alla progressività delle imposte sui redditi: la retribuzione è salita (+3,1% sul 2009), ma è aumentata anche l’incidenza dell’Irpef perché gli aumenti in busta paga vengono tassati tutti con l’aliquota marginale, la più elevata (il 27% per l’operaio, il 38% per l’impiegato). Facendo così salire l’aliquota media: dal 24,3% al 24,9% per l’impiegato, dall’11,2% all’11,8% per l’operaio. Lo spostamento in avanti del giorno di liberazione fiscale è un fatto fisiologico in assenza di una manutenzione dell’Irpef che tenga conto dell’inflazione aggiornando i vari scaglioni e l’importo delle detrazioni.

Trecentomila euro per le imprese d’ambiente e sicurezza

Finanziamenti dalla Camera di Commercio La Camera di Commercio di Bergamo mette a disposizione un fondo di 300mila euro per ...

Tremonti: crescita dell’1 per cento nel 2010

Giulio Tremonti "Per la crescita 2010 scriveremo nelle stime una cifra intorno all'uno per cento". Lo ha ...