iscrizionenewslettergif
Politica

Regionali, Bettoni verso il Pdl?: “Non voglio dire niente”

Di Redazione19 gennaio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Valerio Bettoni

Valerio Bettoni

BERGAMO — Tempo di manovre nei corridoi della politica bergamasca, in vista delle Regionali. I partiti e le segreterie – non solo locali – cercano di trovare la quadra per le candidature. Le notizie dell’ultim’ora sono molte e riguardano soprattutto il centrodestra.

Dopo l’esperienza alla guida di via Tasso, supportata a tratti alterni dall’allora segretario provinciale di Forza Italia Marco Pagnoncelli, e l’avventura al fianco dell’Udc, l’ex presidente della Provincia Valerio Bettoni starebbe sondando la strada di un clamoroso ingresso nel Popolo della Libertà. Ingresso che, a dire il vero, spariglierebbe non poco le carte agli altri candidati in lizza. Voci lo darebbero addirittura capolista. Sentito telefonicamente, Bettoni ha commentato: “Se ne dicono di tutti i colori sulla mia candidatura. Per ora non voglio esprimermi, anche perché non me l’ha ordinato il dottore di candidarmi. Vanno visti programmi, orientamenti e così via. E’ troppo presto per prendere delle decisioni. Vedremo con calma. Non voglio dire niente”.

Intanto da Milano arriva la notizia che fra i sedici posti del listino bloccato che affiancherà il presidente Formigoni ci sarebbe anche il nome di Marco Pagnoncelli. Mentre An, dal canto suo, avrebbe chiesto uno spazio per Pietro Macconi, attuale vicecoordinatore del Popolo della Libertà bergamasco e consigliere regionale.

Nel caso Bettoni si trasferisse al Popolo della libertà, crescerebbero gli spazi di manovra nell’Udc bergamasco, sempre che Casini decida da che parte stare in Lombardia. Dentro il partito centrista e moderato sono molte le voci contrarie alla corsa in solitaria, auspicata per esempio dal senatore Savino Pezzotta. Il segretario regionale Baruffi ha detto al Corriere che “il nostro dialogo è aperto con i candidati presidenti”. In effetti sarebbe una contraddizione in termini se, dopo 15 anni di governo fatti insieme, l’ex democristiano, cattolico e ciellino Roberto Formigoni si trovasse all’opposizione gli ex democristiani, cattolici e magari ciellini dell’Udc.

Intanto, sempre nell’Udc si parla della possibile corsa a un seggio in Regione per l’ex deputato Gianantonio Arnoldi. L’interessato smentisce sostenendo che non ha intenzione di presentare la sua candidatura: “In questo momento non ci sono le condizioni per un mio ingresso in lista”.

Nuove Brigate Rosse: due arresti. Maroni: attenzione altissima

Manolo Morlacchi, figlio di Pietro Morlacchi, è stato arrestato MILANO -- Con un blitz in piena regola lunedì mattina la Sezione Antiterrorismo della Digos ...

Albino: la Lega in piazza per le vicende Crocefisso e Islam

Le bandiere della Lega ALBINO -- E' decisamente animata la vita politica di Albino. Domani mercoledì 20 gennaio, dalle ...