iscrizionenewslettergif
Sport

Francesca Ruggeri ammette: abbiamo commesso errori

Di Redazione12 gennaio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La"triade nerazzurra": Osti, Mutti e Francesca Ruggeri

La"triade nerazzurra": Osti, Mutti e Francesca Ruggeri (foto Mariani)

ZINGONIA — Mai come questa volta, l’Atalanta c’è. Osti e Francesca Ruggeri sono al fianco di Bortolo Mutti, il direttore Generale Cesare Giacobazzi solo leggermente defilato. Poi Rizzitelli, Umberto Bortolotti e il responsabile della comunicazione Carrara. L’addetto stampa Andrea Lazzaroni ha il suo bel da fare, c’è uno stuolo di giornalisti ad accogliere “Lino da Trescore”: un bergamasco d’annata venuto per salvare l’Atalanta.

Dopo le foto di rito prende la parola Francesca Ruggeri, pochi concetti ma molto significativi. “Mi dispiace che Alessandro non possa essere qui insieme a noi, ha un po’ di febbre e non è riuscito a venire. Dopo quanto accaduto la scorsa settimana ci siamo presi un po’ di tempo per riflettere, la scelta è ricaduta su mister Mutti perché pensiamo sia la persona giusta per raggiungere la salvezza”.

Fino a qui nessuno squillo particolare, una normale descrizione della realtà. Durante la conferenza però sono arrivati altri due interventi molto più significativi, testimonianza di un approccio diverso rispetto al passato e consapevole degli errori commessi.

“Devo ringraziare – ha proseguito la vicepresidente – tutte le persone che ci sono state vicino, abbiamo ascoltato diverse idee e alla fine la famiglia ha scelto. Abbiamo sicuramente fatto degli sbagli, ne faremo tesoro per il futuro cercando di imparare e adesso credo sia importante guardare avanti e stare uniti per raggiungere la salvezza”.

Qualcuno chiede se prima di Mutti fosse stato contattato qualche altro tecnico. Francesca Ruggeri sorride e sorvola, confermando il pieno appoggio al nuovo condottiero. “Se arriveranno segnalazioni o richieste – chiude il numero due nerazzurro – in tema di mercato, saremo pienamente disponibili a valutarle ed eventualmente intervenire”.

Le chiacchiere, adesso, stanno veramente a zero. Guardando negli occhi tutti i presenti sembra davvero ci sia la convinzione comune che insieme si possa fare l’impresa.

Dopo il vicepresidente prende la parola Carlo Osti, in qualità di direttore sportivo conferma lo staff di Mutti e chiude con il mercato. “Lo staff sarà composto da Di Cinto come allenatore in seconda e Piacentini per la preparazione dei portieri. L’aspetto atletico per ora sarà affidato alo stesso Mutti che nei prossimi giorni valuterà appieno il gruppo a disposizione per poi capire se e dove è necessario intervenire. Inzaghi? Adesso i nomi sono fuori luogo, ci confronteremo continuamente e ogni operazione possibile e utile alla causa sarà portata avanti”.

Qualcosa probabilmente accadrà, forse non tutti i nomi che girano sono reali obiettivi nerazzurri ma come ha detto Mutti, ora non è tempo di troppe parole: serve lavoro e collaborazione da parte di tutti, c’è una salita davvero impegnativa da superare.

Fabio Gennari

Atalanta, presentato il nuovo allenatore Mutti

Bortolo Mutti risponde ai cronisti ZINGONIA -- Bortolo Mutti si è presentato in perfetto orario. Accanto a lui Francesca Ruggeri, ...

Atalanta, Cristiano Doni a tutto campo: ascolta la sua intervista

Cristiano Doni ZINGONIA -- Vederlo dietro al bancone delle interviste in un momento come questo è importante. ...