iscrizionenewslettergif
Bergamo

Scontro con Enac: Ryanair minaccia lo stop ai voli

Di Redazione24 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I Boeing della Ryanair

I Boeing della Ryanair

BERGAMO — E’ di nuovo guerra fra la compagnia aerea low cost Ryanair e l’Enac, l’ente nazionale aviazione civile. Stavolta, al centro del braccio di ferro, le procedure di identificazione dei passeggeri. Ryanair annuncia di voler chiudere “temporaneamente” i voli interni operanti in dieci aeroporti italiani, fra cui Bergamo, a partire dal 23 gennaio. Una misura di protesta per le “illecite interferenze” dell’Enac, contro la quale la compagnia annuncia che si appellerà al Consiglio di Stato.

“Da quando Ryanair opera con il check-in online al 100% – spiega Ryanair in un comunicato – è obbligatorio per la sicurezza di tutti i voli Ryanair che tutti i passeggeri acconsentano al momento della prenotazione di presentare o il passaporto o la carta di identità al gate d’imbarco prima di salire a bordo del proprio volo. Queste procedure di sicurezza sono sempre andate avanti in modo soddisfacente per molti anni su tutte le 1.000 rotte di Ryanair sia per i voli domestici che per quelli internazionali in tutta l’Unione Europea. Ryanair è rimasta perciò sorpresa e delusa dal fatto che l’Enac, l’autorità dell’aviazione italiana, senza consultare o discuterne con Ryanair, ha introdotto unilateralmente le ordinanze di cui sopra l’11 e il 12 novembre 2009, che hanno interferito con e minato le procedure stabilite.

L’ordinanza dell’Enac minaccia di arrestare il personale dell’handling se si rifiuta di far viaggiare i passeggeri con forme di identificazione non consentite comprese patenti di guida, badge lavorativi o licenze di pesca italiane. Dal momento che queste altre forme di identificazione non hanno soddisfatto gli standard internazionali di sicurezza, il solo risultato delle ordinanze dell’Enac sarà quello di ridurre la sicurezza dei passeggeri di Ryanair e dei voli sulle rotte domestiche italiane.

Ryanair non può permettere che le sue procedure di sicurezza – che sono approvate da tutti i passeggeri al momento della prenotazione con Ryanair – subiscano interferenze e vengano minate dalle ordinanze illegali e inappropriate dell’Enac che così facendo riduce la sicurezza dei passeggeri e dei voli. Ryanair cesserà di operare i voli domestici dagli aeroporti italiani di cui sopra a partire da sabato 23 gennaio (cioè con un mese di preavviso) e questi voli saranno ripristinati solo se Ryanair sarà certa che la sicurezza delle sue operazioni non sarà minacciata dall’interferenza illegale dell’Enac”.

Guasto alla linea: treni per Milano bloccati per 6 ore

Un treno regionale BERGAMO -- Un guasto alla linea Milano-Piacenza. Rfi (la societa che gestisce le reti ferroviarie) ...

E’ morto il vescovo Amadei

Due figure storiche della Chiesa bergamasca: monsignor Aldo Nicoli (a sinistra) e il vescovo Roberto Amadei BERGAMO -- Era ammalato da tempo. Si è spento questa E’ morto questa mattina a ...