iscrizionenewslettergif
Poesie

“Fulgida stella” di John Keats

Di Redazione24 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Fulgida stella, come tu lo sei
fermo foss’io, però non in solingo
splendore alto sospeso nella notte
con rimosse le palpebre in eterno
a sorvegliare come paziente
ed insonne Romito di natura
le mobili acque in loro puro ufficio
sacerdotale di lavacro intorno
ai lidi umani della terra, oppure
guardar la molle maschera di neve
quando appena coprì monti e pianure.

No, eppure sempre fermo, sempre senza
mutamento sul vago seno in fiore
dell’amor mio, come guanciale; sempre
sentirne il su e giù soave d’onda, sempre
desto in un dolce eccitamento
a udire sempre sempre il suo respiro
attenuato, e così viver sempre,
o se no, venir meno nella morte.

“La valle dell’inquietudine” di Edgar Allan Poe

Otz-la-valleUn tempo sorrideva silenziosa una piccola valle dove nessuno più abitava: la gente era partita per le ...

“Un sogno dentro un sogno” di Edgar Allan Poe

spiaggia-al-tramontoQuesto mio bacio accogli sulla fronte! E, da te ora separandomi, lascia che io ti dica che non ...