iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Tenere sotto controllo i nei dei bimbi

Di Redazione18 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I bimbi sono preziosi alleati nella cura dei nei

I bimbi sono preziosi alleati nella cura dei nei

“Controllate i nei dei vostri figli”. E’ il messaggio emerso dall’ultimo Congresso nazionale dell’associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi). Gli esperti hanno spiegato che i bambini vanno informati sui rischi che corre la pelle e su come proteggerla al meglio, ma non solo. I nostri figli possono anche rivelarsi preziosi alleati nel tenere sotto controllo la presenza dei nei sul loro corpo.

Lo dimostra uno studio pubblicato su Pediatric Dermatology che ha dimostrato che il 96 per cento dei bambini intervistati, di età compresa tra i 6 e i 10 anni, sa descrivere un neo, il 91 per cento non prova disagio a vederseli sulla pelle e 3 su 10 hanno notato dei nuovi nei sul loro corpo nell’ultimo anno.

L’indagine dimostra che i bambini possono essere preziosi e collaborativi alleati nel tener sotto controllo la mappatura dei nei e vanno coinvolti. Ricordiamo che solo l’un per cento dei nei è presente sin dalla nascita, gli altri compaiono con gli passare del tempo, quindi bisogna annotare i nuovi nei e seguirli nel tempo.

Ma come riconoscere quando un neo è sospetto? La regola da tenere a mente è Abcde: asimmetria, bordi, colore, dimensioni (che non devono superare gli 8 millimetri) e evoluzione nel tempo. Se qualcosa cambia o diventa sospetto meglio rivolgersi subito al pediatra curante. Sarà lui a decidere se occorre sottoporsi a una visita specialistica. E’ bene ricordare che nei bambini è facile che i nei cambino nel corso degli anni, quindi mai farsi prendere dal panico.

Boom di gravidanze fra le minorenni

Boom di gravidanze fra le minorenni E' boom per le gravidanze al di sotto dei 18 anni in Italia. Sono infatti ...

La fantasia cancella il dolore

La fantasia aiuta a cancellare il dolore fisico Il potere della fantasia contro il dolore. Uno studio scientifico compiuto dalla University of North ...