iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta: per le statistiche a Bologna si può vincere

Di Redazione18 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Esultanza rossoblù a Parma

Esultanza rossoblù a Parma

ZINGONIA — Caricarle troppo, le partite, non è mai positivo. Ci sono momenti di una stagione però che rischiano di essere decisivi, appuntamenti importanti che arrivano quando devono e tutti sanno quanto valgono. Bologna-Atalanta ha mille significati, qualcuno argomenta convinto pensando che un pareggio non è da buttare ma si sbaglia.

Bologna e Lazio 16, Livorno 15, Atalanta 13. Poi ci sono Siena e Catania, penultima e ultima della classifica. La squadra di Lotito gioca a Milano con l’Inter, il Livorno in casa con la Sampdoria, il Siena a Palermo ed il Catania a Torino. Salvo clamorose sorprese, i tre punti al Dall’Ara significherebbero agguantare il quart’ultimo posto in buona compagnia.

Viste le premesse, le difficoltà e gli infortuni difficile sperare in un regalo migliore sotto l’albero di Natale. Nel gelo di Bologna, possibili nevicate sul capoluogo emiliano, rientrerà Valdes ma non ci sarà ancora Cristiano Doni. Qualcuno si ostina a definire “politico” lo stop del capitano. Semplicemente, il problema muscolare accusato contro la Roma non è stato qualcosa di banale ed è per questo che il 2009 del capitano si è chiuso in anticipo.

Sabato sarà dura, gli scontri diretti sono sempre insidiosi. Se per modulo e uomini siamo ancora nel campo della ipotesi, la conferenza di conte in questo senso ci aiuterà parecchio, ci restano i numeri. Come sempre loro non mentono e le statistiche, questa volta, dicono bene ai nerazzurri. Il Bologna è ultima o penultima nel possesso palla (21′ minuti in media contro i 24′ della Dea), nei tiri in porta (3,5 contro 4,5) e nelle palle giocate (436 contro 510). Se non bastasse ci sono anche le percentuali di passaggi riusciti e di pericolosità dalla parte dell’Atalanta così come in tema di supremazia territoriale possiamo parlare di due formazioni poco inclini a comandare le operazioni con i nerazzurri comunque migliori.

Atalantino anche il miglior marcatore stagionale dei ventidue in campo, Tiribocchi con 6 gol precede Adailton, anche se va detto come sia il reparto avanzato rossoblù il pericolo numero uno cui dovranno stare attenti Manfredini e compagni. Di Vaio, Adailton, Zalayeta e Osvaldo hanno segnato 15 delle 17 reti stagionali del Bologna, le soluzioni alla squadra di Colomba non mancano e ce n’è per tutti i gusti: rapidità, potenza e tecnica sono caratterstiche importanti di un reparto che è fra i migliori delle pericolanti.

Tre punti di differenza in classifica, più o meno gli stessi gol fatti (17 a 15 per il Bologna) e subiti (25-24 per l’Atalanta) ed un dato che fa ben sperare i supporters bergamaschi incollati al televisore: Livorno a parte, tutti gli ospiti del Bologna hanno segnato almeno un gol. Ci riuscisse anche la Dea sarebbe importante, blindare la porta di Coppola significherebbe vincere.

Fabio Gennari

Foppa, serataccia in Costa Azzurra: Cannes vince 3-1

Guiska e Furst a muro contro Cannes CANNES -- Parola d'ordine, dimenticare. Subito. La FoppaPedretti Bergamo perde nettamente per 3-1 sul campo ...

A Bologna freddo e neve. Conte sicuro, andiamo per vincere

Antonio Conte ZINGONIA -- Temperatura sotto zero e neve abbondante. L'Atalanta è partita nel primo pomeriggio per ...