iscrizionenewslettergif
Poesie

“Non pensarci mia cara” di John Keats

Di Redazione17 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Non pensarci, mia cara,
Non pianger più:
a sospirare impara,
e di non tornare, diglielo tu!

Dolcezza mia, non impallidire,
Non mostrare il volto triste e sconsolato:
Oppure, se vuoi, spargi pure una lacrima – se n’è andato –
Si, certo, era nato per morire!

Ancora cosi pallida? Piangi pure, allora, a profusione,
Che le lacrime tue conterò nel sentire:
Saranno per te una benedizione
Negli anni a venire!

Vedi? A lasciato i tuoi occhi più sfavillanti
d’un soleggiato ruscello,
e le tue melodie sussurranti
Son ancora più dolci di quello!

Pure, poiché lacrime e pianto son seguaci
Delle gioie fuggenti,
Insieme piangiamo: ma le note dolenti
Del rimpianto intrecciate sian di baci.

“Nel cerchio di un pensiero” di Alda Merini

pensiero Nel cerchio di un pensiero a volte mi riposo sognando e lì sta il tuo peccato perché mi ...

“Stanco d’amore” di Hermann Hesse

serremoibypichyvt0Nei rami s'addormenta cullando il vento stanco. La mia mano lascia un fiore rosso sangue morire lacerato sotto ...