iscrizionenewslettergif
Sport

Tifoso diffidato per uno striscione: la Curva insorge

Di Redazione15 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Domenica scorsa niente striscioni contro l'inter

Domenica scorsa niente striscioni contro l'inter

BERGAMO — Un attacco frontale, diretto, deciso. In occasione della gara di domenica contro l’Inter, la Curva Nord dell’Atalanta ha distribuito un volantino che contesta apertamente le decisioni  del questore di Bergamo Turillo in merito a una vicenda accaduta pochi prima.

L’accusa riportata nello stampato degli ultras sottolinea un episodio accaduto in occasione di Atalanta – Roma del 29 novembre scorso. Per colpa di uno striscione ritenuto offensivo è stato comminato un Daspo ad un giovane tifoso dell’Atalanta.

Passo indietro per intenderci meglio. Ecco i fatti. Dopo la pessima prova dei nerazzurri contro il Lumezzane costata l’eliminazione dalla Coppa Italia, un centinaio di supporters aveva atteso i giocatori all’uscita degli spogliatoi. Prima del colloquio con Antonio Conte, volarono parole grosse nei confronti di alcuni protagonisti e ci fu un battibecco con Tiberio Guarente.

Il numero 17 nerazzurro, criticato per la prestazione e per il deludente inizio di stagione, avrebbe risposto ad un tifoso e la frase pronunciata non è andata giù ai ragazzi della curva.

Nella gara con la Roma, tre giorni dopo, viene preparato uno striscione che le forze dell’ordine bloccano ai cancelli. “Guarente la tua frase per noi è stata una pugnalata, che sia la tua ultima stupidata” il messaggio scritto: dopo pochi giorni, al tifoso che stava portando il drappo dentro lo stadio viene inflitta la diffida per un anno.

Un provvedimento esagerato e spropositato secondo la Curva. Gli ultras, oltre che con una serie di improperi nei confronti del Questore, hanno reagito distribuendo un volantino in cui sostengono che per un fatto del genere la pena massima prevista è un’ammenda da 160 euro e riportano tanto di riferimenti normativi.

Nella gara con l’Inter gli osservatori più attenti avranno notato l’assenza dei soliti vessilli nerazzurri esposti durante le partite interne. In calce al volantino, infatti, gli ultras spiegano che non hanno esposto i loro striscioni in segno di protesta contro una decisione pesante e, secondo loro, inventata.

Fabio Gennari

Tennistavolo: l’Olimpia espugna Trezzano

Paolo Bonazzi TREZZANO -- A Borgo Palazzo si sperava nel colpaccio, e colpaccio è stato, visto che ...

L’Atalanta a Bologna senza Doni e con il dubbio Bellini

Gianpaolo Bellini ZINGONIA -- Due dubbi importanti per l'Atalanta in vista della delicata trasferta di Bologna. Gianpaolo ...