iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Mamme e Bimbi

Ai piccoli piace Vivaldi e la voce di mamma

Di Redazione10 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ai piccoli piace la voce di mamma

Ai piccoli piace la voce di mamma

La voce della madre è il suono piu’ gradito dal feto. Vivaldi e Mozart lo tranquillizzano, mentre Beethoven e Brahms lo innervosiscono. A rivelarlo l’ecografia in 3D e 4D, una delle novita’ di cui si è parlato al secondo congresso nazionale della Fiog, Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia che si è svolta al Lingotto di Torino i giorni scorsi.

Oltre 1.500, tra ginecologi universitari, ospedalieri, extraospedalieri, consultoriali e ostetriche, i partecipanti al congresso.Recentissimi studi confermano che la musica non è soltanto una fedele compagna durante tutta la gravidanza, ma uno strumento efficace per ridurre il livello di ansia e stress emozionale della mamma che agiscono in modo negativo sul feto.

Inoltre, la musica potenzia lo sviluppo cerebrale del feto. Sulla una prestigiosa Rivista americana American Journal of Obstetrics and Ginecology sono stati pubblicati i risultati di uno studio condotto grazie all’inserimento – attraverso la cervice materna – di minuscoli microfoni posti vicino alla testa del feto, in modo da registrare come i suoni esterni arrivino al feto dentro nell’utero.

Gli autori hanno scoperto che in questo ambiente ovattato si produce un suono ritmico, molto simile a quello dell’acqua a bassa pressione, associato al rumore sordo dell’aria che passa per lo stomaco della mamma. Si tratta di un rumore pulsante, contrassegnato dal battito cardiaco materno ed arriva al feto con un’intensità che oscilla tra gli 85 e i 95 decibel.

La maggioranza dei rumori esterni sono attutiti perché attraversano la parete addominale ed il liquido amniotico, ma vengono comunque percepiti dal feto, grazie alla trasmissione di segnali acustici vestibolari e cutanei. Secondo gli specialisti, la musica esterna arriva al feto attraverso due meccanismi: l’orecchio interno e le vibrazioni del suo sistema osseo. La musica aiuta lo sviluppo dell’area uditiva del cervello del feto e numerosi studi documentano che il feto è perfettamente in grado di ricevere stimoli musicali.

Niente diete rigide dopo la gravidanza

Sconsigliate le diete rigide dopo la gravidanza perché dannose Stop a diete, regimi ipocalorici e sedute interminabili in palestra subito dopo la gravidanza. Infatti, ...

I bambini sono “nati per leggere”

I bambini amano i libri Un bimbo è in grado di amare i libri già da piccolissimo. E il vantaggio ...