iscrizionenewslettergif
Bergamo

Camera di Commercio, strappo fra CdO e Confindustria

Di Redazione4 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La sede della Camera di Commercio di Bergamo

La sede della Camera di Commercio di Bergamo

BERGAMO — La Compagnia delle Opere, potentissima associazione imprenditoriale che si rifà alla dottrina sociale della Chiesa, si schiera al fianco di “Imprese e territorio” e invita il presidente Roberto Sestini a ritirare la sua candidatura al vertice della Camera di Commercio di Bergamo. Si consuma così uno strappo con la Confindustria e il suo presidente Sergio Mazzoleni che in questi giorni si era espresso a favore della ricandidatura di Sestini.

La presa di posizione della CdO è arrivata per bocca del suo presidente Rossano Breno che, in un’intervista rilasciata a L’Eco di Bergamo, spiega che “Imprese e Territorio” rappresenta tutte le varie anime della piccola e media impresa, e ha titolo e numeri per rivendicare la scelta della presidenza della Camera di commercio.

Breno parla di “un’impuntatura padronale” da parte di Confindustria nel sostenere a spada tratta Sestini senza aver consultato gli altri schieramenti che compongono l’assetto camerale. Quanto a Sestini, la Cdo lo invita a ritirare la sua candidatura, usando un paragone sportivo: quello del campione che si ritira al massimo del fulgore della carriera.

La Compagnia delle Opere auspica un ritorno alla collegialità delle decisioni. L’alternativa, ha detto sempre Breno nell’intervista, è che tornino a decidere in pochissimi, “una concezione da primi del Novecento che non condividiamo e che mi sembra un po’ nostalgica da parte di Confindustria”, ha precisato.

Tentano una truffa, ma il “vecchietto” non ci casca

Ennesimo tentativo di truffa ai danni di un anziano (immagine di repertorio) LORETO -- Fingendosi tecnici della Telecom hanno tentato una truffa spregevole ai danni di un ...

Aeroporto, i residenti di Colognola: stanchi di promesse

L'aeroporto di Orio al Serio Gentile direttore, Abbiamo letto con particolare attenzione l’articolo “Stucchi porta la questione decolli in parlamento” apparso ...