iscrizionenewslettergif
Bergamo Economia

Prezzi in crescita in città: aumentano alimentari e casa

Di Redazione1 dicembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Crescono i prezzi degli alimentari in città

Crescono i prezzi degli alimentari in città

BERGAMO — Nonostante la crisi economica, crescono i prezzi a Bergamo. A Novembre, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) in città è aumentato dello 0,2 per cento rispetto al mese precedente.

Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a + 0,5 per cento, dopo il meno 0,2 per cento del mese scorso. A novembre, tra capitoli in aumento, quelli che registrano la maggiore variazione sono stati quello “Mobili, articoli e servizi per la casa” nel quale crescono prodotti relativi all’arredamento, alla casa e ai relativi servizi e quello degli “Altri beni e servizi” dove salgono i prodotti di bellezza, profumi e deodoranti, l’oreficeria, le spese sanitarie e i servizi finanziari.

Seguono, in rialzo, il capitolo dell’”Abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili” nel quale sono aumentano i servizi di riparazione e manutenzione della casa e i combustibili liquidi, mentre sono in controtendenza i combustibili solidi; e quello dei “Trasporti” dove le crescite delle quotazioni medie dei carburanti, pneumatici, acquisto biciclette e servizi di trasloco, sono solo in parte controbilanciate da cali nel noleggio veicoli e nei trasporti aerei.

I “generi alimentari” risultano complessivamente in rialzo, determinato dalla numerosità dei prodotti in crescita, rispetto solo a qualche diminuzione. Sale anche “Bevande alcoliche, tabacchi” dove crescono i vini. Lieve apprezzamento per ”Abbigliamento e calzature” dove salgono biancheria, calzetteria e servizi di lavanderia. In diminuzione il capitolo dei “Servizi ricettivi e di ristorazione” dovuto a cali nei diversi servizi di alloggio; seguito da quello delle “Comunicazioni” dove scendono le apparecchiature e materiale telefonico.

Complessivamente in calo, seppur con un andamento sensibilmente contrastato, il capitolo della “Ricreazione, spettacoli e cultura” dove alle diminuzioni dei prodotti elettronici e turistici si contrappongono alcuni aumenti nei personal computers, articoli sportivi, fiori e piante e servizi per animali. Stabile il capitolo dei “Servizi sanitari e spese per la salute” mentre invariato quello dell’”Istruzione”.

Ecco tutte le variazioni rispetto al mese precedente

Generi alimentari, bevande analcoliche + 0,3
Bevande alcoliche, tabacchi + 0,3
Abbigliamento e calzature + 0,1
Abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili + 0,5
Mobili, articoli e servizi per la casa + 0,6
Servizi sanitari e spese per la salute invariato
Trasporti + 0,3
Comunicazioni – 0,4
Ricreazione, spettacoli e cultura – 0,3
Istruzione invariato
Servizi ricettivi e di ristorazione – 0,4
Altri beni e servizi + 0,6

Complessivo + 0,2

Fonte: Comune di Bergamo – Ufficio Statistica e Istat. I dati anticipati devono essere considerati provvisori in attesa della loro convalida da parte dell’Istat. L’Istat comunicherà i dati definitivi il 16 dicembre 2009.

Dall’isola pedonale ai mercatini: tutte le iniziative di Natale

Palazzo Frizzoni, sede del Comune di Bergamo BERGAMO -- E' ricchissimo il calendario delle iniziative messe in campo dall'Amministrazione comunale per rendere ...

Anziana raggirata da falso agente: spariti oggetti per 1700 euro

Un'auto della Polizia SANTA LUCIA -- Aveva una divisa simile a quelle degli agenti di polizia. Per questo ...