iscrizionenewslettergif
Bergamo

Appiani coordinatore dell’Accademia di Polizia locale

Di Redazione29 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un'auto della Polizia locale

Un'auto della Polizia locale

BERGAMO — Sarà il comandante di Bergamo Virgilio Appiani a fare da coordinatore all’Accademia di Polizia Locale che il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni inaugurerà domani presso la scuola militare Teulié di Milano.

Appiani è già da cinque anni referente della formazione degli ufficiali delle polizie locali della Regione. Affiancherà il direttore dell’Accademia nonché direttore generale di IREF Stefano Del Missier nel varo di questa scuola attesa da anni dalla categoria professionale.

Si amplia così la pattuglia di bergamaschi che ricopre incarichi istituzionali di rilievo nell’ambito della sicurezza urbana, dopo la recente designazione dell’assessore comunale Cristian Invernizzi alla presidenza del dipartimento Sicurezza-Protezione civile di Anci- Lombardia.

L’Accademia della Polizia locale è un’istituzione prevista dalla legge regionale di riordino delle polizie locali e delle politiche di sicurezza urbana del 2003, dopo un lungo percorso di progettazione richiesto soprattutto dalle nuove esigenze degli enti locali in materia di sicurezza. Prende il via sostenuta da un primo stanziamento del governo regionale di 400mila Euro.

L’Accademia si configura come un percorso di eccellenza formativa per tutti gli ufficiali della polizia locale, orientato non solo all’approfondimento delle materie tecnico specialistiche – quali la polizia giudiziaria, la polizia ambientale, la polizia amministrativa, la sicurezza stradale e molte altre ancora, ma anche ad una dimensione manageriale delle professioni della sicurezza urbana e locale. Essa nasce nel solco della consolidata tradizione di formazione degli operatori della polizia locale della Lombardia attuata da IREF ( Istituto regionale per la formazione della pubblica amministrazione).

L’ iniziativa regionale, unica nello scenario nazionale, consentirà tra l’altro agli ufficiali degli enti locali, mediante moduli di formazione continua, di studiare, condividere ed elaborare “buone prassi” nella gestione delle nuove realtà, legate a fenomeni come il nomadismo, la devianza e la violenza intra-familiare. In tutti questi ambiti, così come in moltissimi altri riconducibili al complesso insieme della sicurezza, la polizia locale è interlocutore privilegiato, perché “prossimo” ai cittadini. Questo obiettivo non può fare a meno di un solido assetto formativo e addestrativo, che costituisce da sempre la “mission” di Regione Lombardia nei confronti degli oltre novemila operatori della polizia locale lombarda.

Sfere e tripudio di luci: ecco come sarà il Natale in centro città

Una simulazione dell'albero di Natale alla stazione BERGAMO -- Sfere di luce distribuite in città e due grandi alberi di Natale. Nonostante ...

La pioggia non ferma le “letterine” di Santa Lucia

La coda per far visita alla chiesa di Santa Lucia CENTRO CITTA' -- Una lunga fila, ma festosa a colorata, ha caratterizzato la giornata in ...