iscrizionenewslettergif
Economia

Ocse: crescono debito pubblico e disoccupazione

Di Redazione20 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Crescono debito pubblico e disoccupazione

Crescono debito pubblico e disoccupazione

“Il debito pubblico italiano si avvia a salire al 120 per cento del Pil entro il 2011. Pertanto sono necessari significativi sforzi di risanamento dei conti pubblici dal 2011 in avanti, quando la crescita si rafforzerà”: è quanto scrive l’Ocse nell’Outlook semestrale, prevedendo per fine 2009 un debito attorno al 115 per cento, in aumento di 10 punti.

Quanto ai dati sul Pil, l’Organizzazione spiega che quello italiano calerà del 4,8 per cento quest’anno per poi tornare a crescere dell’1,1 per cento nel 2010 e dell’1,5 nel 2011. Nel terzo trimestre, si legge ancora, il miglioramento delle condizioni finanziarie ha «aiutato a ricostituire la fiducia e spingere la domanda interna». Ma “sia il timing sia la forza della ripresa sono incerte”.

Quanto alla disoccupazione italiana, questa salirà all’8,5 nel 2010 e all’8,7 per cento nel 2011.

Istat: ripresa, il Pil cresce dello 0,6 per cento

Segnali positivi sul fronte dell'economia finalmente Dopo 15 mesi di caduta continua l'economia italiana ritorna a crescere. Secondo le stime preliminari ...

Prezzi in crescita in città: aumentano alimentari e casa

Crescono i prezzi degli alimentari in città BERGAMO -- Nonostante la crisi economica, crescono i prezzi a Bergamo. A Novembre, l’indice dei ...