iscrizionenewslettergif
Sport

Pinto, Acquafresca e De Ascentis pronti per Siena

Di Redazione17 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Antonio Conte

Antonio Conte

ZINGONIA — Qualche conferma, una brutta sorpresa ma nel complesso fiducia. Tanta fiducia. Antonio Conte arriva a Zingonia accompagnato dalla moglie e dalla figlia, la ripresa degli allenamenti è ormai alle porte e la conta degli infortunati migliora.

Nota stonata l’assenza di Valdes, dopo i problemi muscolari accusati nella gara con la Juve il cileno è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti per capire quante possibilità ci sono di vederlo in campo a Siena.

Mister, com’è la situazione dei ragazzi infortunati?
Ho parlato con lo staff ed abbiamo Ferreira Pinto, Acquafresca e De Ascentis in gruppo. Dopo Bianco, sceso in campo nel Bortolotti, altri tre recuperi importanti che ci permettono di scegliere e andare a Siena con un po’ meno di emergenza. Manfredini è da valutare, si può dire lo stesso per Radovanovic mentre Valdes oggi non si allena perché ha degli accertamenti in programma: contro la Juve un affaticamento, settimana scorsa lavoro a parte ma servono esami aggiuntivi per capire bene la situazione.

Finalmente qualche rientro, adesso può addirittura scegliere..
Quando avrò davvero problemi di abbondanza ci penserò. La cosa certa è che le mie scelte saranno sempre fatte guardando al lavoro in settimana, pensando al bene dell’Atalanta e alla ricerca della vittoria. Vincere aiuta a stare meglio, i punti ci servono per raggiungere quella salvezza che rispetto ai propositi dell’ambiente di agosto può sembrare un obiettivo minimo: la situazione è questa, la classifica non sorride e quindi si lotta, sempre.

Il Siena è ultimo, senza allenatore e con parecchi giocatori colpiti da influenza. Impegno facile?
Sarebbe presuntuoso guardare ai problemi degli altri senza pensare ai nostri. L’Atalanta ne ha parecchi, ero più preoccupato qualche tempo fa ma non dimentico tutto quello su cui dobbiamo lavorare. Il tempo è dalla nostra parte, ogni giorno si cerca di migliorare ma è bene non perdere di vista la situazione.

Mancheranno Doni e Guarente, pedine importanti…
Due uomini sempre titolari con me che staranno fuori per somma di ammonizioni. Capita, sono cose da mettere in preventivo ma sono fiducioso che i ragazzi chiamati al loro posto faranno una buona partita.
Abbiamo come detto alcune possibilità in più e cercheremo di sfruttarle.

Insieme a Tiribocchi giocherà Acquafresca? Secondo lei sono compatibili?
Sono sicuramente complementari, Tiribocchi ama cercare la profondità attaccando lo spazio con tagli repentini mentre Robert partecipa alla manovra. A Siena il problema della scelta non si pone vista la squalifica di Doni e in futuro valuteremo di volta in volta la condizione della settimana.

Ferreira Pinto, De Ascentis e lo stesso Acquafresca. Sono pronti per giocare dopo l’inattività?
Nel momento in cui un giocatore subisce un infortunio non resta in vacanza con la famiglia al mare. Escludiamo la zona dolente, costruiamo un lavoro per lui che permetta di mantenere il fisico in allenamento. Appena arriva l’ok dei medici, credo che il ragazzo sia all’80% e quindi può giocare. Discorso valido per Acquafresca come per Ferreira Pinto e per tutti gli infortunati.

Fabbri, il procuratore dell’attaccante, ha parlato di una possibile partenza a gennaio..
Non ho letto le sue parole, così come le riportate voi non credo che possa averle dette perché sono frasi poco intelligenti. E’ un ragazzo, infortunato, che ora rientra e sarà a disposizione. Giocherà? Segnerà? Lo speriamo tutti ma io faccio le scelte solo pensando al bene dell’Atalanta e quindi ogni settimana può succedere di tutto.

Siena subito, Bologna alla fine con in mezzo Roma, Fiorentina e Inter. Mese decisivo prima di Natale?
Sicuramente importante ma non credo decisivo. Ho visto tante squadre chiudere in zona Uefa l’andata e sprofondare in serie B al ritorno. Credo che il momento decisivo arriverà più avanti e io, indipendentemente dai risultati che sono sempre importanti, voglio vedere la mia squadra crescere sul piano del gioco. Attraverso quello i risultati arriveranno, ne sono certo.

Contro l’Hull City l’abbiamo vista prodigo di consigli per Canzian. Che ne pensa?
Lui e Colombo si allenano con noi per crescere tatticamente. Sono alternative a Bellini e Garics che giorno dopo giorno possono diventare importanti. Personalmente non faccio differenze tra giovani e meno giovani, nel settore giovanile i ragazzi tecnicamente sono ben preparati e quando ci arrivano siamo noi a doverli migliorare sul campo. Prendete Canzian, contro l’Hull City ha mostrato buona personalità ma anche un paio di errori di posizione che non deve commettere: lo riprendo come faccio con tutti solo per aiutarlo.

NOTIZIARIO. Doni, Ferreira Pinto, De Ascentis, Tiribocchi e Acquafresca sono rientrati in gruppo martedì alla ripresa e saranno disponibili (capitano a parte) per la trasferta di Siena. Lavoro differenziato per Radovanovic tornato in anticipo dalla Nazionale per tentare un recupero dopo la distorsione alla caviglia di qualche tempo fa. In Toscana mancheranno sicuramente Manfredini (fastidio al polpaccio sinistro) e Valdes: gli esami del cileno hanno evidenziato una elongazione ai flessori della coscia destra.

Fabio  Gennari

Le ragazze della Foppa sul tetto del mondo

Bosetti, Lo Bianco, Del Core e Piccinini esultano nella finale FUKUOKA, Giappone -- VolleyBergamo ancora una volta sul tetto del mondo. La Nazionale italiana di ...

Parla Radovanovic, l’ultimo acquisto di Ivan Ruggeri

Ivan Radovanovic rincorre Seedorf ZINGONIA -- Il suo primo giorno ufficiale in maglia nerazzurra coincide con una delle pagine ...