iscrizionenewslettergif
Cultura Tecnologia

La Nasa tenta di salvare Spirit

Di Redazione16 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La sonda Spirit

La sonda Spirit

Da oggi la Nasa comincerà a trasmettere su Marte i comandi che permetteranno il salvataggio del rover Spirit, rimasto imprigionato nella sabbia in un cratere. E’ dal 23 aprile scorso che Spirit è intrappolato in un sito chiamato Troy e fin da ora gli esperti dell’agenzia spaziale americana sanno che liberarlo non sarà affatto semplice e che richiederà molto tempo.

Lo hanno dimostrato i test condotti sulla Terra fin dalla primavera scorsa, simulando condizioni analoghe a quelle in cui si trova il rover sul suolo marziano. “Sarà un lavoro molto lungo e c’é un’alta probabilità che i tentativi non porteranno ad un successo”, ha osservato il direttore del programma della Nasa per l’esplorazione di Marte, Doug McCuistion.

Gli esperti si preparano a dover accettare il peggiore degli scenari: quello in cui il rover arrivato su Marte nel gennaio 2004 possa aver concluso la sua missione straordinariamente lunga (avrebbe dovuto durare 3 mesi e invece é andata avanti per 5 anni, ben 22 volte più del previsto) e ricca di scoperte. Tuttavia non ci si arrende e i tecnici sono pronti a inviare domani il primo comando che metterà in azione cinque delle sei ruote del rover (la sesta è fuori uso dal 2006).

Il risultato della manovra sarà chiaro soltanto martedì, quando Spirit avrà inviato a Terra i relativi dati, e sulla base del risultato i tecnici programmeranno la fase successiva della manovra. Se necessario, sono pronti a proseguire nel salvataggio di Spirit almeno fino all’inizio del prossimo anno. Questo perché “la mobilità su Marte è una sfida per il futuro e, qualsiasi sarà il risultato che avremo con Spirit, la conoscenza del terreno marziano aumenterà comunque così come la capacità di controllare futuri rover su Marte”, ha detto McCuisition.

Uno sforzo di circa due mesi di tentativi è il minimo che si debba a Spirit, dopo le sue scoperte senza precedenti fatte su Marte: la ricostruzione del clima del pianeta rosso, con primavere molto calde e condizioni tali da poter ospitare forme di vita. Anche nella condizione difficile nella quale si trova adesso il rover della Nasa promette nuove scoperte. Ad esempio, nel materiale estremamente soffice in cui affondano le sue ruote c’é il più alto contenuto di zolfo mai misurato su Marte.

Restaurati gli stucchi di Piero da Cortona

Uno degli stucchi di Pietro Da Cortona a Palazzo Pitti Gli appassionati d'arte non possono che gioire. Sarà riaperta al pubblico a partire da dicembre ...

Telepadania lancia il Pinocchio in dialetto

Nino Manfredi nella celebre versione televisiva di Pinocchio Come accade in altre regioni d'Italia, dove i dialetti sono tutelati in quanto parte del ...