iscrizionenewslettergif
Bergamo

La Finanza sequestra la villa di Donadoni

Di Redazione12 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Roberto Donadoni

Roberto Donadoni

BERGAMO — Ancora grattacapi per l’ex allenatore della Nazionale e del Napoli, il bergamasco Roberto Donadoni. Dopo l’esonero subito alla settima di campionato ecco una nuova tegola: la Guardia di finanza gli ha sequestrato, per abusivismo, la tenuta di Fasano, un’antica masseria in provincia di Bari.

L’immobile, detto «Monsignore», è circondato da 700 alberi di ulivo, immerso nel verde al confine con il parco naturale costiero delle Dune di Torre Canne e Torre San Leonardo.

A far scattare l’indagine delle Fiamma Gialle un esposto anonimo che risale a circa un anno fa, da cui è emerso che le opere di ristrutturazione del complesso non avrebbero rispettato i limiti imposti dal Comune di Fasano.

Il tecnico di Cisano Bergamasco aveva comprato la proprietà due anni fa in contrada Pettolecchia, nelle campagne tra Fasano e Savelletri. Intorno alla masseria ci sono circa venti ettari di uliveti. Ma la ristrutturazione, secondo l’accusa, non sarebbe avvenuta secondo le regole.

Perseguita la moglie: boliviano arrestato per stalking

La Polizia in azione VILLAGGIO DEGLI SPOSI -- Da tempo perseguitava pesantemente la moglie. Un boliviano di 23 anni ...

Blitz antiterrorismo: tre arresti a Bergamo

La Guardia di Finanza in azione BERGAMO -- Un grande operazione congiunta delle sezioni antiterrorismo di Italia, Francia, Austria, Svizzera, Spagna, ...