iscrizionenewslettergif
Bergamo

Alpini e sicurezza: 11 arresti in tre mesi

Di Redazione12 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un intervento di alpini e polizia

Un intervento di alpini e polizia

BERGAMO — Hanno levato dalle strade 11 malviventi, altri 26 sono stati denunciati e 14 fermati. E’ il primo bilancio delle attività di controllo del territorio bergamasco da parte degli Alpini, nell’ambito dell’operazione “Strade sicure 2” voluta dai ministeri dell’Interno e della Difesa, con il consenso dell’amministrazione comunale di Bergamo.

Sono passati tre mesi dall’arrivo degli uomini del 5° reggimento Vipiteno. I soldati sono diventati ormai parte integrante della città e probabilmente a molti mancheranno quando l’operazione volgerà al termine. Certo è che il loro supporto finora è stato utile a dare una parvenza di sicurezza a zone altamente degradate come quelle di Piazzale Marconi. La cinquantina di malviventi che a vario titolo sono stati acciuffati dalle pattuglie erano perlopiù dediti allo spaccio di droga e spesso clandestini.

Nelle 500 pattuglie congiunte con le forze dell’Ordine effettuate finora sono state controllate più di 2800 persone e 600 veicoli. E dalle parti della stazione si cammina un po’ più sicuri. Con buona pace di chi osteggiava l’arrivo dei soldati.

Leggi anche
La sinistra e l’ossessione della città militarizzata

Blitz antiterrorismo: tre arresti a Bergamo

La Guardia di Finanza in azione BERGAMO -- Un grande operazione congiunta delle sezioni antiterrorismo di Italia, Francia, Austria, Svizzera, Spagna, ...

A4, assalto da due milioni al portavalori: arrestati 7 banditi

Il portavalori preso d'assalto. Notare la porta blindata tagliata dai banditi BERGAMO -- Era l'8 giugno del 2008. Quella sera, gran parte degli italiani era davanti ...