iscrizionenewslettergif
Salute

Freddo e smog aumentano gli infarti

Di Redazione11 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il freddo aumenta la possibilità di infarti

Il freddo aumenta la possibilità di infarti

Il freddo rigido e il caldo torrido, nonché l’inquinamento atmosferico, aumentano i casi di infarto. Lo dimostra uno studio di revisione su decine di ricerche epidemiologiche, diretto da Krishnan Bhaskaran della School of Hygiene and Tropical Medicine di Londra pubblicato sulla rivista Heart.

La disamina effettuata, concentrata solo sui casi di infarto e non sulle malattie cardiovascolari in generale, si è basata sul riesame dei risultati di 19 studi su temperatura e infarti e 26 su inquinamento e infarti.

Ebbene da questa mole di lavoro scientifico è emerso che le temperature rigide e quelle torride aumentano il numero di infarti registrati ogni giorno in città. Così pure l’inquinamento atmosferico. Per quest’ultimo, ha precisato Bhaskaran, non sembra esserci una soglia di sicurezza al di sotto della quale il cuore non ne risente.

Tumore ovaie: cure meno invasive

Cure meno invasive per il tumore ovarico Parità di efficacia ma con una riduzione degli effetti collaterali: caduta capelli e alterazione della ...

Una pillola contro il cancro ai polmoni

In arrivo un nuovo metodo terapeutico ll cancro ai polmoni potrebbe essere sconfitto, tra qualche anno. Lo dicono ricercatori britannici che, ...