iscrizionenewslettergif
Scuola

“Ponti di pace” per il Provveditorato

Di Redazione10 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La pace passa per la cultura, fin da piccoli

La pace passa per la cultura, fin da piccoli

Entra nel vivo il progetto di scambio scolastico “Ponti di Pace tra Bergamo e la Terra Santa” ideato dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo grazie anche alla collaborazione con la Custodia di Terra Santa e, in particolare, con il Custode Padre Pierbattista Pizzaballa. Il progetto è sostenuto da un partenariato costituito da enti locali, banche ed altre istituzioni, e ha il patrocinio dell’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (ex Irre Lombardia) .

Dal 30 giugno al 5 luglio 2009 una delegazione delle scuole bergamasche si è recata a Gerusalemme per esplorare la possibilità di avviare un progetto di scambio con realtà israeliane e palestinesi, individuate tra quelle che sono più attive nella prospettiva di una convivenza pacifica. Con questo spirito, l’obiettivo è portare le scuole bergamasche ad avere con esse contatti sia diretti sia a distanza, anche per realizzare incontri di docenti e di studenti con i loro corrispondenti israeliani e palestinesi.

Nell’ambito di questo progetto l’Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo organizza un corso di formazione rivolto ai dirigenti e a tutti i docenti interessati delle scuole bergamasche secondarie di primo e di secondo grado, cioè le scuole medie e gli istituti superiori. Il corso prende avvio giovedì 19 novembre 2009 e si articola in sei incontri pomeridiani dalle ore 15 alle ore 18 presso l’auditorium del liceo scientifico Mascheroni di Bergamo (con accesso al complesso da via Santa Caterina 13 o da via Alberico da Rosciate).

“Si intende coinvolgere dirigenti scolastici e docenti in una riflessione comune sulla realtà israelo-palestinese anche per gettare le basi per realizzare, a partire dalla primavera 2010, i primi scambi tra scuole o qualunque altra modalità di collaborazione, che avrà certamente un grande valore educativo per tutti i partecipanti – spiega Luigi Roffia, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo – I principali obiettivi del progetto “Ponti di Pace tra Bergamo e la Terra Santa” sono far conoscere, oltre gli stereotipi e i pregiudizi ideologici, la realtà religiosa, sociale e politica di Israele e Palestina, e creare le condizioni per scambi, gemellaggi, gite scolastiche con meta Gerusalemme, dove gli studenti possono riflettere sul significato delle tre religioni monoteiste, sulla Shoah del popolo di Israele, sulla convivenza possibile fra Israeliani e Palestinesi e sulla storia di Israele”.

Influenza A, la Gelmini: le scuole rimarranno aperte

Il ministro Gelmini "Nessuna misura eccezionale per la scuola italiana a seguito della pandemia di influenza A, e ...

La Gelmini è incinta, mamma a primavera

Maria Stella Gelmini Il ministro dell'Istruzione Maria Stella Gelmini è in dolce attesa e presto convolerà a nozze ...